L’India ritira dalla circolazione le banconote da 2.000 rupie

MUMBAI, 19 maggio (Reuters) – L’India inizierà a ritirare dalla circolazione le banconote di grosso taglio. Lo ha annunciato venerdì la banca centrale.

Il ritiro delle banconote da 2.000 rupie ($ 24,5) – che Somanathan, alto funzionario del ministero delle finanze, ha affermato che non interromperà “la vita normale o l’economia” – arriva alla fine delle elezioni in quattro stati principali. anno e votazione nazionale nella primavera del 2024.

Si ritiene che la maggior parte dei partiti politici indiani stia accumulando denaro in bollette di alto valore per finanziare le spese della campagna elettorale per soddisfare i severi limiti di spesa imposti dalla Commissione elettorale.

La Reserve Bank of India (RBI), che ha annunciato il ritiro, ha affermato che le prove hanno dimostrato che la valuta non era comunemente utilizzata per le transazioni.

Queste banconote rimarranno a corso legale, ma le persone le useranno il 10 settembre. Verrà chiesto loro di depositare entro 30 e convertirsi in tagli più piccoli.

“Lo stock di banconote di altra denominazione è sufficiente per soddisfare la domanda di valuta del pubblico”, ha aggiunto la RBI in una nota.

Nel 2016, dopo che il governo guidato da Narendra Modi ha bruscamente ritirato le banconote da 500 e 1000 rupie, è stata introdotta la banconota da 2000 rupie nel tentativo di eliminare le contraffazioni in circolazione.

Ci sono poche prove che il piano abbia avuto successo, ma la mossa ha creato un deficit monetario sistemico, prendendo dall’oggi al domani l’86% della valuta dell’economia.

READ  La FAA ritarda i voli all'aeroporto LaGuardia di New York mentre il fumo degli incendi canadesi si diffonde

Il governo ha iniziato a emettere nuove banconote da 500 rupie pochi giorni dopo e ne ha aggiunte 2.000 per reintegrare la valuta in circolazione a un ritmo più veloce.

Tuttavia, da allora, la banca centrale si è concentrata sulla stampa di banconote da Rs 500 e inferiori e non ha stampato nuove banconote da Rs 2.000 negli ultimi quattro anni.

L’economista ed ex capo statistico dell’India Pronab Sen ha definito il ritiro delle banconote di alto valore una “forma ragionevole di demonetizzazione”.

Karthik Srinivasan, vicepresidente senior delle finanze dell’ICRA, ha affermato che i tassi di accumulo dei depositi delle banche “potrebbero migliorare leggermente nel breve termine”.

“Ciò allenterà la pressione al rialzo sui tassi di deposito e porterà alla moderazione dei tassi di interesse a breve termine”, ha aggiunto.

Le banche indiane hanno registrato una crescita del credito a due cifre negli ultimi mesi, nonostante un aumento di 250 punti base dei tassi di interesse RBI dallo scorso maggio. Le banche stanno aumentando i depositi per soddisfare la crescente domanda e ridurre la liquidità.

($ 1 = 81,7800 INR)

Dichiarazione di Ira Dugal; Montaggio di Andrew Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *