L’Iran sequestra una petroliera mentre gli Stati Uniti sequestrano una petroliera

I funzionari statunitensi hanno ordinato il dirottamento di una petroliera iraniana per il greggio negli Stati Uniti nei giorni scorsi, una mossa che secondo i funzionari ha spinto la decisione dell’Iran di sequestrare la petroliera diretta negli Stati Uniti giovedì.

Mentre Washington cerca di intensificare le sanzioni contro Teheran, gli Stati Uniti hanno rifiutato una spedizione di greggio iraniano originariamente destinata alla Cina, hanno detto tre persone informate sulla situazione.

Hanno detto che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha sequestrato la petroliera Suez Rajan su ordine del tribunale in collaborazione con almeno una società associata alla nave dopo che trasportava un carico di petrolio iraniano. La marina iraniana ha tentato senza successo di inseguire la petroliera dopo aver deviato la rotta degli Stati Uniti. Il DoJ ha rifiutato di commentare.

L’azione americana precedentemente non dichiarata sulla Suez Rajan getta nuova luce sulla decisione dell’Iran di impadronirsi della Advantage Sweet, una nave cisterna noleggiata dalla Chevron per trasportare il greggio kuwaitiano negli Stati Uniti.

Un funzionario statunitense ha dichiarato giovedì che “sembra essere una rappresaglia per un precedente sequestro statunitense di petrolio iraniano che l’Iran ha recentemente tentato ma non è riuscito a riprendersi”.

L’Iran ha una storia di sequestri di petroliere come rappresaglia contro i paesi occidentali che prendono di mira le sue esportazioni di greggio. Nel 2019, l’Iran ha sequestrato due petroliere battenti bandiera britannica poco dopo che il Regno Unito aveva sequestrato una nave iraniana attraccata a Gibilterra in rotta verso la Siria.

L’anno scorso, l’Iran ha sequestrato due navi battenti bandiera greca nello Stretto di Hormuz dopo che la Grecia aveva permesso agli Stati Uniti di scaricare il carico di una petroliera iraniana nelle acque greche.

READ  Chris Hipkins sostituirà Jacinda Ardern come primo ministro neozelandese

Il sequestro degli Stati Uniti solleverà anche dubbi sul fatto che gli operatori collegati agli Stati Uniti siano stati adeguatamente avvertiti dei pericoli di viaggiare vicino all’Iran.

Lo Stretto di Hormuz, uno stretto stretto che separa l’Iran dall’Oman e dagli Emirati Arabi Uniti, è una delle rotte marittime più importanti al mondo per il petrolio. Secondo l’Energy Information Administration degli Stati Uniti, un terzo dei carichi di petrolio trasportati via mare passano ogni giorno attraverso la Manica.

L’attuale posizione della Suez Rajan non è chiara: secondo la società di dati satellitari Spire Global, ha trasmesso la sua posizione per l’ultima volta ad altre navi la sera del 22 aprile, quando si stava dirigendo a sud-ovest oltre il Madagascar verso il Capo di Buona Speranza.

La nave è di proprietà di Fleetscape, una sussidiaria della statunitense Oaktree Capital. In risposta alle precedenti domande sulla Suez Rajan, Fleetscape ha affermato che tutte le decisioni operative sono state prese dagli operatori greci della nave, Empire Navigation.

Fleetscape e Empire sono stati contattati per un commento.

La petroliera Advantage Sweet Suezmax catturata dall’Iran operava con un noleggio a breve termine della Chevron, una delle più grandi compagnie petrolifere americane. Il suo equipaggio, tutti di nazionalità indiana, è ora trattenuto dall’Iran. È stata scattata nel Golfo di Oman a est dello stretto di Hormuz, ha detto il comando centrale degli Stati Uniti.

Le navi e gli equipaggi sequestrati dall’Iran in passato sono stati infine rilasciati, ma spesso non per mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *