L’OPEC+ avvia riunioni in cui potrebbero essere concordati ulteriori tagli alla produzione

  • I tagli potrebbero arrivare fino a 1 milione di bpd – fonti
  • Il ministro saudita ‘attenzione’ ai venditori allo scoperto
  • L’OPEC+ potrebbe anche rivedere la base per le quote – Fonti

VIENNA, 3 giugno (Reuters) – L’OPEC e i suoi alleati hanno iniziato sabato due giorni di incontri che potrebbero culminare in tagli alla produzione di 1 milione di barili al giorno, hanno detto a Reuters fonti dell’OPEC+, mentre il gruppo affronta i prezzi del petrolio e una bandiera. Fornire golosità.

L’OPEC+, un gruppo di alleati guidato dalla Russia e dall’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, pompa il 40% del greggio mondiale, il che significa che le sue decisioni politiche possono avere un enorme impatto sui prezzi del petrolio.

Venerdì tre fonti dell’OPEC+ hanno detto a Reuters che si discuteva di tagli alle opzioni per la sessione di domenica. Altre due fonti hanno affermato che ulteriori tagli erano improbabili.

Sabato l’OPEC ha tenuto un briefing separato, ma successivamente i ministri non hanno commentato possibili decisioni politiche.

Le tre fonti hanno affermato che i tagli sarebbero di 1 milione di barili al giorno in aggiunta ai tagli volontari esistenti di 2 milioni di barili al giorno e 1,6 milioni di barili al giorno, una mossa a sorpresa annunciata ad aprile che è entrata in vigore a maggio.

Se approvato, ciò porterebbe la riduzione totale a 4,66 milioni di barili al giorno, pari al 4,5% della domanda globale.

“Questa cifra è preliminare, non abbiamo ancora approfondito queste cose”, ha detto il ministro del petrolio iracheno Hayan Abdel-Ghani prima degli incontri, quando gli è stato chiesto del taglio di 1 milione di barili al giorno.

READ  Rosenthal: il grande slam di Trey Turner alimenta un'entusiasmante rimonta mentre gli Stati Uniti avanzano alle semifinali WBC

I tagli alla produzione di solito entrano in vigore un mese dopo che sono stati concordati, ma i ministri possono anche concordare di attuarli successivamente. Potrebbero decidere di mantenere l’output coerente.

L’Occidente ha accusato l’OPEC di manipolare i prezzi del petrolio e di indebolire l’economia globale attraverso gli alti costi energetici. L’Occidente ha accusato l’OPEC di schierarsi con la Russia nonostante le sanzioni occidentali per l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

In risposta, la stampa di denaro da parte dell’Occidente negli ultimi dieci anni ha alimentato l’inflazione e costretto i paesi produttori di petrolio ad agire per preservare il valore delle loro principali esportazioni, hanno affermato gli addetti ai lavori e gli osservatori dell’OPEC.

Paesi asiatici come la Cina e l’India acquistano la parte del leone delle esportazioni di petrolio della Russia e si sono rifiutati di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia.

Colloqui di base

I ministri dell’OPEC+ si incontreranno domenica a Vienna dalle 10:00 (08:00 GMT), tre ore prima del previsto, con una riunione plenaria dalle 11:00.

Due fonti dell’OPEC hanno affermato che i ministri potrebbero anche discutere nuove basi di produzione in base alle quali ciascun membro effettuerebbe i tagli.

Tali colloqui sono stati controversi in passato.

I paesi dell’Africa occidentale come la Nigeria o l’Angola non sono stati a lungo in grado di produrre in linea con i loro obiettivi, ma hanno resistito a linee di base inferiori perché nuovi obiettivi potrebbero costringerli a fare tagli reali.

Al contrario, gli Emirati Arabi Uniti hanno insistito per ottenere più basi per soddisfare la sua crescente produttività, ma ciò significherebbe che la sua quota dei tagli complessivi diminuirebbe.

READ  Il rapporto sull'occupazione dà segnali contrastanti in vista della decisione di marzo della Fed

“Attendiamo con impazienza una risoluzione che preservi la stabilità dell’equilibrio tra domanda e offerta”, ha dichiarato il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al Mazrouei prima degli incontri.

I ministri hanno parlato con i giornalisti negli hotel di Vienna. L’OPEC ha negato l’accesso dei media al suo quartier generale ai giornalisti di Reuters e di altri organi di stampa.

Un annuncio a sorpresa sulla produzione ad aprile ha contribuito ad aumentare i prezzi del petrolio di circa 9 dollari al barile, portandoli sopra gli 87 dollari, ma sono rapidamente scesi sotto la pressione delle preoccupazioni per la crescita economica globale e la domanda. Venerdì il Brent, il benchmark internazionale, era a 76 dollari.

La scorsa settimana, il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, il principe Abdulaziz, ha affermato che gli investitori che scommettono su prezzi del petrolio più bassi o in calo dovrebbero “stare attenti”, in quello che molti osservatori del mercato hanno interpretato come un avvertimento su ulteriori tagli all’offerta.

L’Agenzia internazionale per l’energia prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà ulteriormente nella seconda metà del 2023, spingendo verso l’alto i prezzi del petrolio.

Tuttavia, gli analisti di JPMorgan hanno affermato che l’OPEC non ha agito abbastanza rapidamente per adeguare l’offerta a causa dei livelli più elevati di produzione statunitense e delle esportazioni russe superiori alle attese.

Gli analisti di JPMorgan hanno affermato in una nota che ulteriori tagli ammonterebbero a circa 1 milione di barili al giorno.

(Segnalazione di Ahmed Khader, Alex Lawler, Maha El Dahan e Julia Payne) Scritto da Dmitry Zhdanikov; Montaggio di David Holmes, Frances Kerry e Christina Finzer

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  L'Iran sequestra una petroliera mentre gli Stati Uniti sequestrano una petroliera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *