L'uso delle mappe del Congresso da parte della Carolina del Sud è incostituzionale

Giovedì un tribunale federale ha stabilito che il tempo per disegnare un nuovo distretto congressuale nella Carolina del Sud è scaduto e ha affermato che lo stato potrebbe utilizzare la mappa attuale quest'anno, nonostante in precedenza avesse stabilito che la mappa era incostituzionale.

L'anno scorso la giuria di tre giudici, l'assemblea legislativa a guida repubblicana della Carolina del Sud, il rappresentante bianco del GOP in carica. Ha deciso di “cacciare” 30.000 elettori neri dal distretto per renderlo sicuro per Nancy Mays.

La Carolina del Sud ha presentato ricorso ed entrambe le parti hanno chiesto alla Corte Suprema di accelerare il caso per garantire una sentenza definitiva prima della stagione elettorale. I giudici hanno ascoltato le argomentazioni in ottobre, ma devono ancora pronunciarsi.

Senza alcuna decisione all’orizzonte dall’11 giugno, la Carolina del Sud ha chiesto quest’anno il permesso di utilizzare la mappa, ritenendola incostituzionale. Giovedì una giuria ha deciso all’unanimità di mantenere la mappa per queste elezioni.

Ha osservato che i tribunali generalmente non consentono l'uso di mappe se ritenute imprecise. “Ma con le procedure delle elezioni primarie che si avvicinano rapidamente, un appello alla Corte Suprema ancora pendente e nessun piano di risoluzione in atto, l'ideale deve piegarsi alla pratica”, hanno scritto i giudici.

Se la Corte Suprema dovesse successivamente confermare la sentenza del tribunale di grado inferiore, si dovranno tracciare nuove mappe per le elezioni del 2026.

L'anno scorso, una giuria composta da due giudici nominati dal presidente Barack Obama e uno dal presidente Biden ha diviso illegalmente i quartieri nell'area di Charleston per facilitare la corsa di Mays. Il comitato ha scoperto che le nuove tasse “hanno spostato più di 30.000 cittadini afroamericani dal loro ex distretto”.

READ  In California, la pioggia provoca inondazioni ed evacuazioni

Nelle discussioni davanti alla Corte Suprema in ottobre, gli avvocati della Carolina del Sud hanno sostenuto che i legislatori statali non si basavano sulla razza per tracciare le mappe incostituzionalmente. Invece, hanno usato le informazioni politiche per decidere dove tracciare i limiti, hanno detto.

Durante le discussioni, la maggioranza della Corte Suprema voleva ripristinare le tasse volute dal governo. Cinque mesi dopo, i giudici non si sono ancora pronunciati. Entrambe le parti hanno chiesto ai giudici di emettere una sentenza entro gennaio.

Sospendendo il caso, la Corte Suprema ha di fatto lasciato scorrere l'orologio per le elezioni di quest'anno.

I candidati devono presentare la documentazione entro lunedì e le schede elettorali devono essere spedite per posta agli elettori militari e stranieri entro il 27 aprile secondo la legge federale. Tale scadenza ha portato la giuria a consentire allo Stato di mantenere la mappa del Congresso di quest'anno.

I ricorrenti hanno respinto il tentativo dei legislatori di mantenere intatta la mappa esistente invece di disegnarne una nuova.

“Rifiutando di intraprendere azioni significative, la legislatura ha minato la democrazia e rafforzato ulteriormente la repressione degli elettori nello stato”, ha dichiarato Adriel Cepeda Terriux, vicedirettore del programma per i diritti di voto dell'American Civil Liberties Union.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *