martedì, 29 Settembre, 2020

Mercato Viterbese, siamo al rush finale

E’ stato un pomeriggio di trattative e incontri frenetici quello di ieri a Milano, nella vigilia dell’ultimo giorno del mercato invernale che stasera alle 20 chiuderà i battenti. Nel capoluogo lombardo presenti ieri il dg Diego Foresti e il consulente di mercato Franco Zavaglia, che oggi saranno raggiunti anche dal presidente Marco Arturo Romano per chiudere le trattative dell’ultima ora. Due gli obiettivi principali della Viterbese: sfoltire la rosa, numericamente più che abbondante, con le uscite in primo luogo di Mario Pacilli e Sebastiano Svidercoschi (per liberare anche il bilancio da due ingaggi impostanti), e poi trovare anche il centrocampista richiesto da mister Antonio Calabro, uno da inserimento tra le linee che possa creare squilibrio nelle difese avversarie. Uno alla Luca Baldassin, per intenderci, e peccato che la Feralpisalò di Stefano Sottili lo abbia messo tra gli incedibili…

Mario Pacilli E’ il giorno della verità per la punta ex Lecce (nella foto), conteso tra Modena e Vicenza e come anticipato da Cuori Gialloblu nei giorni scorsi. La trattativa col Modena sembra meglio avviata ed è quella che con ogni probabilità si chiuderà in giornata con uno scambio: all’attaccante un contratto biennale e alla Viterbese come contropartita il centrocampista mediano Andrea Boscolo Papo, che sembra essersi convinto ad accettare la destinazione laziale. Se si chiuderà con il Modena, come è probabile, saranno questi i dettami dell’accordo. Resta, tuttavia, ancora aperta anche la pista Vicenza, che per avere Pacilli avrebbe proposto come scambio il centrocampista (più gradito al mister) Simone Emmanuello (di proprietà della Pro Vercelli). Il giocatore però nella giornata di ieri avrebbe manifestato più di un dubbio sul proprio trasferimento alla corte di Calabro: oggi ci sarà un ultimo confronto con il club del ds Magalini, ma se non si muoverà niente probabilmente da stasera la destinazione di Pacilli, salvo sorprese, sarà Modena.

Il consulente di mercato Franco Zavaglia con l’ex gialloblu Osvaldo Mannucci, oggi procuratore

Sebastiano Svidercoschi. L’attaccante gialloblu, da tempo fuori dal progetto e per questo finito fuori rosa, ha richieste dalla serie D, dove per lui c’è l’imbarazzo della scelta. Tra i primi a richiederlo c’è la Flaminia Civita Castellana, la cui offerta per l’ingaggio della punta però sarebbe distante dalle pretese del giocatore. Per lui avrebbero sondato il terreno pure il Team Nuova Florida, dove già gioca in prestito l’esterno Riccardo Capparella, ma anche il Taranto, la Pro Sesto, la Torres e il Prato. Al momento il problema principale è superare le resistenze del giocatore a scendere di categoria, ma entro oggi la dirigenza gialloblu conta di convincerlo a scegliere una delle destinazioni proposte. Anche per lui sembra arrivato il momento dell’addio.

Frosinone.  Visto l’ottimo rapporto tra il club ciociaro e la Viterbese, nelle ultime ore è tonata in auge la pista che porterebbe al prestito di Luca Matarese (smentite di qualche settimana fa a parte), attaccante esterno classe 1998 assistito da Mino Raiola. L’idea, però, è che il giocatore di Scafati arrivi in prestito insieme all’altro classe ’98 del Frosinone, Alessio Tribuzzi, centrocampista di grande qualità che potrebbe essere quello che cerca mister Calabro (con il vantaggio che è anche under). “Nostro obiettivo sarà quello di mandarli entrambi nella stessa società anche per controllarli meglio” ha dichiarato a Tuttomercatoweb il direttore generale del Frosinone Ernesto Salvini, che ha lasciato intendere chiaramente come i due ragazzi non possano rimanere aggregati alla rosa del Frosinone senza essere impiegati. Pertanto, Salvini è stato chiaro, devono andare a giocare anche in categoria inferiore per farsi le ossa. Il loro arrivo a Viterbo, però, non è così scontato, almeno in tandem, e non solo perché i due di scendere dalla serie cadetta non hanno la minima intenzione, ma perché la Viterbese ha già cinque giocatori in prestito da squadre di A e B (Volpe, Errico, Besea, Bunino e Zanoli) e lo spazio disponibile è solo per un ultimo unico prestito. Per quanto bravo, poi, per ruolo Matarese non avrebbe moltissimo spazio nel 3-5-2 di Antonio Calabro, mentre Tribuzzi sarebbe più utile. Su entrambi, in ogni caso, oltre alla Viterbese c’è anche l’Avellino.

 

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Mercato Viterbese, come cambia la rosa?

Oggi chiude l’interminabile finestra di gennaio del calciomercato. Fermo restando che ci sembra un’idea folle …