Michael J. Il morbo di Parkinson di Fox è progredito; Non si aspettava di raggiungere gli 80 anni

In una sincera intervista, l’attore Michael J. Fox ha parlato della sua stessa mortalità e delle sfide di convivere con il morbo di Parkinson per più di 30 anni, comprese le esperienze con cadute e fratture ossee.

ColloquioEra su “CBS Sunday Morning” con Jane Pauley per promuovere il suo nuovo documentario, “Still”. Rilasciato il 12 maggio.

“Sta bussando alla porta”, ha detto Fox, 61 anni, della malattia. “Sta diventando più difficile. Sta diventando più difficile. Sta diventando più difficile ogni giorno, ma è quello che è. Chi devo vedere a riguardo?”

A Fox, attore vincitore di Emmy e Golden Globe, è stato diagnosticato il morbo di Parkinson nel 1991 all’età di 29 anni. Stava girando “Doc Hollywood” e ha chiesto consiglio a un medico per un tremito al mignolo. Non l’ha fatto Rendilo pubblico Era malato da molti anni.

Il morbo di Parkinson è un disturbo progressivo e debilitante che provoca scatti e svolte incontrollabili, tremori, discorsi confusi e difficoltà di equilibrio e coordinazione. Con il progredire della malattia Cellule nervose nel cervello L’indebolimento, o la morte, è più comune negli uomini, anche se i ricercatori non sanno perché. L’attore Richard Lewis, 75 anni, ha recentemente annunciato di avere il morbo di Parkinson.

Una clip del documentario mostra Fox che inciampa e cade violentemente su un marciapiede di New York City. Un passante lo ha controllato. La sua risposta: “Mi hai fatto cadere a terra”.

Fox ha detto di aver subito un intervento chirurgico per un tumore benigno alla colonna vertebrale che “ha incasinato la mia camminata” e ha meno stabilità nelle gambe.

READ  Azioni che fanno le mosse più grandi nel pre-mercato: ATVI, CMG, FRC

“Ora rompo le cose”, ha detto. “Questo braccio e questo braccio, questo gomito. Mi sono rotto la faccia. Mi sono rotto il braccio cadendo.

Le cadute, ha osservato, sono “un grande assassino” di persone con Parkinson. Ha anche notato che esiste il rischio di voglie di cibo e polmonite.

“Tutti questi modi sottili arrivano a te”, ha detto. “Non si muore di morbo di Parkinson. Muori di morbo di Parkinson. Non avrò 80 anni.

Nel 2000, la Fox ha ricevuto il Michael J. Fox ha avviato la Fondazione, che ha sostenuto ricerche più ambiziose nel campo. Ad aprile, i ricercatori hanno annunciato un importante passo avanti, un metodo di test che potrebbe identificare modelli di una proteina che potrebbe essere utilizzata per diagnosticare il Parkinson molto prima e ridurre il numero di persone con diagnosi errata della malattia.

La ricerca nasce dalla Parkinson’s Progress Markers Initiative della Fox Foundation, che ha seguito più di 1.100 volontari con e senza la malattia per più di un decennio.

“Cambia tutto”, ha detto Fox della ricerca. “Dove siamo ora, tra cinque anni possiamo dire se ce l’hanno, se lo otterranno e sappiamo come gestirlo”.

Intervistato da Fox all’inizio della sua carriera, Pauly ha notato che la malattia ha avuto un impatto visibile. “Ogni volta che ti guardo, posso vedere che ci è voluto un po’ troppo,” gli disse.

“Per 30 anni”, ha risposto. “Non siamo in molti ad avere questa malattia da 30 anni. Assorbe. Ha il morbo di Parkinson. Per alcune famiglie, questo è un sogno che si avvera. È un inferno vivente. Devi affrontare fatti che vanno oltre la comprensione della maggior parte delle persone.

READ  Apple sta aggiungendo la linea iPhone 14 e i MacBook M2 al suo programma di riparazione self-service

Nonostante le sfide della convivenza con il Parkinson, Fox ha notato che ha dei vantaggi che gli altri non hanno.

“Ho un certo insieme di abilità che mi permettono di affrontare queste cose”, ha detto. “Con gratitudine, la speranza è costante. Se trovi qualcosa per cui essere grato, puoi trovare qualcosa per cui guardare avanti e andare avanti.”

Iscriviti alla newsletter Benessere+Essere, la tua fonte di consigli esperti e semplici consigli per vivere bene ogni giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *