Papa Francesco ha rimosso il tessuto cicatriziale e riparato un’ernia durante un intervento chirurgico addominale di 3 ore

ROMA (AP) – Papa Francesco è stato sottoposto con successo a un intervento chirurgico mercoledì per rimuovere il tessuto cicatriziale intestinale e riparare un’ernia nella parete addominale. Il papa, 86 anni, si è fatto asportare parte del colon due anni fa.

Il Vaticano ha affermato che non ci sono state complicazioni durante l’operazione di tre ore, che ha richiesto a Francis di essere in anestesia generale. Il pontefice avrebbe dovuto rimanere al Policlinico Gemelli di Roma per diversi giorni e tutte le visite papali sono state annullate fino al 18 giugno.

Il Direttore di Scienze dello Stomaco ed Endocrino del Gemelli Dott. Sergio Alfieri ha detto che l’intervento è stato un successo. Dopo un po’, Pope era sveglio, vigile e divertente.

“Quando facciamo il terzo?” Ha citato Francesco come dicendo.

Altro sulla salute del Papa

Durante l’operazione, i medici hanno rimosso aderenze o cicatrici interne nell’intestino, che negli ultimi mesi avevano causato un blocco parziale e dolore. Alfiri ha rivelato che Francis ha subito interventi chirurgici addominali precedentemente sconosciuti in Argentina prima del 2013, che hanno provocato anche cicatrici.

Una rete artificiale è stata inserita nella parete addominale per riparare un’ernia che si era formata su una precedente cicatrice, ha detto Alfieri. Ha detto che il Papa non soffriva di nessun’altra malattia, il tessuto rimosso era benigno e dopo il suo recupero dovrebbe stare bene.

Una temuta protrusione o gonfiore dell’intestino non è evidente con una lacrima erniata.

“Sembra che lo abbiano operato al momento giusto, senza compromettere il suo intestino”, ha detto il dott. Walter Longo, capo della chirurgia del colon e del retto presso la Yale University School of Medicine, che non è stato coinvolto nell’intervento e ha commentato dopo la consultazione. Rapporto vaticano sulla pratica.

READ  Guerra della Russia in Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Gli interventi chirurgici per l’ernia vengono raramente eseguiti in caso di emergenza, ha detto Alpieri, e l’intervento è pianificato. Sebbene non sia stato annunciato pubblicamente, sembrava che la tempistica avrebbe dato a Francis abbastanza tempo per riprendersi prima di un fitto programma di viaggi entro la fine dell’estate.

A tre ore, i medici affermano che la procedura di Pope è stata significativamente più lunga dei 60-90 minuti necessari di solito per l’intervento di ernia, ma Alfieri ha notato che il tessuto cicatriziale dell’intervento precedente è stato completamente rimosso.

Trascorrere troppo tempo sotto anestesia e stare a lungo su un ventilatore – qualcuno che ha perso parte di un polmone da adolescente – potrebbe mettere il papa a rischio di problemi respiratori o di una guarigione più lunga del previsto, hanno detto gli esperti.

Francesco ha continuato a farsi carico Anche quando il Vaticano e la Chiesa cattolica forte di 1,3 miliardi sono incoscienti e in ospedale, secondo il diritto canonico.

Nel luglio 2021 Francesco ha trascorso 10 giorni in Gemelli per rimuovere 33 centimetri (13 pollici) del suo intestino crasso. In un’intervista all’Associated Press A gennaio, Francis ha sviluppato la diverticolosi, o infiammazione della sua parete intestinale, provocando un ritorno alla chirurgia.

Dopo l’operazione, Francis si è lamentato di non aver risposto bene all’anestesia generale. Quella reazione spiegò in parte il suo rifiuto di sottoporsi a un intervento chirurgico per riparare i legamenti del ginocchio che lo costrinse a usare sedia a rotelle e deambulatore per più di un anno.

Tuttavia, Alfieri ha affermato che Francis non ha avuto reazioni avverse all’anestesia nel 2021 o mercoledì.

READ  Le azioni sono inferiori alle previsioni sugli utili trimestrali di Netflix

“Ovviamente a nessuno piace dormire dopo un intervento chirurgico, perché nel momento in cui veniamo spinti giù, perdiamo conoscenza”, ha detto a un portavoce vaticano in una conferenza stampa serale in ospedale. “Ma non c’erano problemi fisiologici due anni fa o oggi.”

Il dottor Manish Chand, professore di chirurgia presso l’University College di Londra, specializzato in chirurgia del colon, ha affermato che il problema più grande sarebbe gestire il dolore e garantire che la ferita guarisca correttamente.

“Nelle prime sei settimane dopo questo tipo di intervento chirurgico, sei a rischio di recidiva”, ha detto. Per evitarlo, si consiglia ai pazienti di non fare nulla di faticoso.

Il dottor Robin Phillips, professore specializzato in chirurgia del colon-retto presso l’Imperial College di Londra, sottolinea che anche la chirurgia addominale può compromettere la funzionalità polmonare.

Il papa argentino si è fatto asportare parte di un polmone quando era adolescente. A fine marzo Francesco ha trascorso tre giorni al Gemelli per una bronchite e trattato con antibiotici per via endovenosa. Era “ancora vivo!” il 1° aprile.

“Dubito che lo stiano facendo ora perché diventerebbe più complicato e porterebbe a un intervento chirurgico d’urgenza, che sarebbe un rischio maggiore rispetto a lasciarlo da solo o operare ora”, ha detto Phillips.

Dopo aver celebrato mercoledì la sua udienza pubblica settimanale, il papa è stato cacciato dal Vaticano poco dopo le 11 con la sua Fiat 500 ed è arrivato al Gemelli 20 minuti dopo, scortato dalla polizia.

“La degenza presso la struttura sanitaria durerà diversi giorni per consentire il normale allenamento postoperatorio e il pieno recupero funzionale”, ha affermato il Vaticano in un comunicato.

READ  Greta Thunberg, coinvolta nello sciopero delle miniere di carbone in Germania, è stata arrestata dalla polizia

Il papa è apparso in ottima forma mercoledì mattina al suo pubblico in piazza San Pietro, sfrecciando per la piazza con la sua papamobile per salutare i fedeli. Il Vaticano ha detto che aveva già tenuto due incontri.

Con molti visitatori ogni giorno, Francis aveva un fitto programma. Il Vaticano ha recentemente confermato la visita di agosto, quando la Santa Sede e l’Italia sono solitamente in vacanza. È previsto un viaggio di quattro giorni in Portogallo per la prima settimana di agosto e un viaggio più lungo in Mongolia dal 31 agosto.

A segno che i viaggi continuano, martedì il Vaticano ha diffuso l’itinerario previsto per la visita di Francesco in Portogallo dal 2 al 6 agosto per gli eventi della Giornata mondiale della gioventù. Un fitto programma include tutte le riunioni etiche ufficiali dello stato. Tanti appuntamenti con i giovani e una gita di un giorno al Santuario mariano di Fatima.

___

Cheng ha riferito da Londra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *