Perez si è assicurato la pole mentre la caduta di Leclerc ha provocato la bandiera rossa

Perez ha registrato un 1m26.841 tra i primi giri in Q3 quando il compagno di squadra della Red Bull Max Verstappen ha interrotto il suo primo giro alla curva 5.

Leclerc, nel frattempo, ha colpito il muro all’uscita della curva 16 e poi ha avuto un blocco nella curva successiva, che è stato sufficiente solo per il settimo posto dopo una prima corsa.

Entrambi hanno dovuto farlo per risalire l’ordine e iniziare le loro corse finali per contrastare la corsa di Perez per una seconda pole position nel 2023.

Mentre Leclerc ha iniziato il suo giro in modo rauco, lo ha cotto troppo all’uscita della curva 6 e ha perso il retrotreno per un testacoda contro il muro. Questo ha portato immediatamente un giallo a doppia onda nella sezione iniziale.

Ciò ha confermato la pole di Perez e ha negato a Verstappen, che ha superato sia Q1 che Q2, la possibilità di mordere di nuovo la pole, con grande frustrazione dell’olandese.

Fernando Alonso ha guadagnato il suo primo inizio di stagione in prima fila al fianco di Perez, grazie alla sua ottima prestazione dopo i primi giri, e ha salutato l’equilibrio dell’Aston Martin come “perfetto” dopo la sessione.

Lo spagnolo parte davanti al connazionale Carlos Sainz sulla griglia di partenza di domenica, mentre il pilota della Ferrari è riuscito a produrre un giro costante tra i primi giri. Kevin Magnussen si è unito a lui in seconda fila e il danese ha segnato la sua prima meta mentre Haas ha continuato a stupire durante le qualifiche.

Fernando Alonso, Aston Martin AMR23

Foto: Andy Hone / Film sugli sport motoristici

READ  Jerome Powell ha capovolto la sceneggiatura

Pierre Gasly è arrivato quinto davanti a George Russell, che è entrato in Q3 per il pelo dei denti, mentre Leclerc è stato il settimo più veloce prima della caduta.

Esteban Ocon si è assicurato due piazzamenti tra i primi 10 alpini, con Verstappen e Bottas che non sono riusciti a stabilire tempi rappresentativi nell’ultimo tratto delle qualifiche.

Lewis Hamilton, un grande eliminatore dalla Q2, è riuscito a finire 13° nella sessione mentre i piloti Mercedes hanno trascorso la seconda parte delle qualifiche nella zona di scarto.

Russell è riuscito a entrare nella top 10, ma Hamilton non è riuscito a ottenere lo stesso livello di ritmo dalla W14 e ha mancato di due decimi in Q3: il sette volte campione ha lasciato la squadra troppo tardi nella loro ricerca per progredire. La parte finale della qualificazione.

Alex Alphonse è stato eliminato da Russ in qualifica e, al termine della sessione, ha mantenuto un vantaggio di mezzo decimo per negare alla Williams un’altra possibilità per la Q3.

L’anglo-americano parte undicesimo davanti a Nico Hulkenberg, che non è riuscito a fare progressi dopo essere rimasto nella top ten per gran parte della sessione. Hamilton ha guidato la gara di domenica davanti a Zhao Guanyu, che non è riuscito a raggiungere il compagno di squadra dell’Alfa Romeo Valtteri Bottas e Nick de Vries di Albatari in Q3.

Le condizioni della pista sono migliorate rapidamente in Q1 nelle fasi finali della sessione, soprattutto perché i margini erano stretti tra i corridori di centrocampo, creando una folle corsa verso il traguardo.

Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Foto: Andy Hone / Film sugli sport motoristici

READ  Il quarterback diretto in Florida Jaden Rashada chiede il rilascio della borsa di studio tra le polemiche NIL: fonti

Il duo McLaren e Mercedes sono bloccati in un minuto e mezzo negli ultimi cinque, con entrambe le squadre che sperano di progredire.

Entrambi i piloti Mercedes sono avanzati sfruttando giri competitivi, ma Oscar Piastre non è riuscito a battere il 15° miglior tempo e ha timbrato la sua carta per una doccia anticipata nella sessione.

Lando Norris nel frattempo è arrivato 11°, ma il progresso delle vetture intorno a lui ha cospirato per riportarlo nella zona di rilascio, assicurando la sua uscita dalla prima tappa.

Yuki Tsunoda è arrivato 17° dietro al britannico, mentre Lance Stroll non è riuscito a portare la sua Aston Martin tra gli ultimi cinque ed è arrivato 18° nella gara di domenica. Piastre e Logan Sargent hanno completato la formazione finale.

Risultati delle qualifiche del GP di F1 Miami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *