Rapporto sul PIL: l’economia statunitense cresce dell’1,1% nel primo trimestre

Tassi di interesse più elevati hanno colpito l’economia statunitense all’inizio del 2023, ma i consumatori che spendono liberamente sembrano tenere a bada il rallentamento, almeno per ora.

Il prodotto interno lordo, corretto per l’inflazione, è aumentato a un tasso annualizzato dell’1,1% nel primo trimestre. Dipartimento del Commercio ha detto Giovedì. Si trattava di un calo rispetto al tasso del 2,6% registrato negli ultimi tre mesi del 2022, sebbene rappresentasse un terzo trimestre consecutivo di crescita dopo la contrazione della produzione nella prima metà dello scorso anno.

Le cifre sono preliminari e saranno riviste almeno due volte non appena saranno disponibili dati completi.

La crescita nel primo trimestre è stata frenata dalla debolezza degli investimenti immobiliari e delle imprese, entrambi fortemente influenzati dai tassi di interesse. La Federal Reserve ha alzato i tassi di quasi cinque punti percentuali dall’inizio dello scorso anno nel tentativo di frenare l’inflazione.

Tuttavia, i consumatori si sono dimostrati resilienti di fronte sia all’aumento dei prezzi sia all’aumento degli oneri finanziari. La spesa corretta per l’inflazione è aumentata a un tasso annuo del 3,7% nel primo trimestre, rispetto all’1% del periodo precedente. I consumatori sono stati sostenuti da un forte mercato del lavoro e dall’aumento dei salari, che hanno contribuito a compensare l’aumento dei prezzi.

Tuttavia, la spesa è diminuita nel trimestre e le previsioni avvertono che potrebbe indebolirsi ulteriormente tra i timori di licenziamenti, fallimenti bancari e una possibile recessione.

“La spesa dei consumatori è ancora in aumento, ma non so quanto durerà”, ha affermato Ben Herson, economista di S&P Global Market Intelligence. “La fiducia è debole e sta diventando sempre più debole. Devi chiederti, diventerà presto un freno alla spesa?”

READ  Elon Musk afferma che il cambiamento del logo di Twitter dice addio a "All Birds"

Un rallentamento graduale sarà accolto con favore dai politici delle banche centrali che cercano di raffreddare l’economia abbastanza da ridurre l’inflazione, ma potrebbe portare a licenziamenti diffusi e disoccupazione.

“Non è una caduta libera”, ha detto Dana Peterson, capo economista del Conference Board, un gruppo commerciale. “È una discesa controllata e la Fed sta cercando di ottenerla con tassi di interesse più elevati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *