Sciopero del SAG: gli attori si uniscono agli scrittori nei picchetti di Hollywood

Titolo del video,

Guarda: Come ti colpisce lo sciopero di Hollywood in 75 secondi

Jason Sudeikis, Susan Sarandon e migliaia di attori si sono uniti ai picchetti di Hollywood con gli sceneggiatori nel suo più grande sciopero degli ultimi 60 anni.

Gli scrittori hanno lasciato il lavoro a maggio, frustrati dalla retribuzione, dalle condizioni di lavoro e dalla mancanza di protezione dai progressi dell’intelligenza artificiale (AI).

I principali film in produzione, inclusi i sequel di Avatar e Il Gladiatore, potrebbero essere interessati dalla chiusura.

Finché dura lo sciopero, gli attori non potranno apparire nei film o promuovere film.

Brian Cox, l’attore protagonista di Heir della HBO, ha detto alla BBC che lo sciopero sarebbe durato “fino alla fine dell’anno”.

“L’intera faccenda dello streaming ha cambiato il paradigma”, ha detto la star scozzese alla BBC Newscast.

“Stanno cercando di bloccarci e partire correndo perché ci sono molti soldi da guadagnare in streaming e non vogliono condividerli con scrittori o artisti”.

Titolo del video,

Vedi: Brian Cox: “Mi preoccupo per l’intelligenza artificiale”

I colloqui per un nuovo accordo con gli studi e i giganti dello streaming si sono interrotti giovedì, con la Screen Actors Guild (SAG) che ha accusato l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi (AMPTP) di essere “riluttante a offrire un accordo equo”.

Circa 160.000 artisti hanno smesso di lavorare a mezzanotte, unendosi agli 11.500 membri della Writers Guild of America (WGA) che sono usciti il ​​2 maggio.

Venerdì a mezzogiorno, i membri del sindacato e i loro sostenitori si sono riuniti fuori dagli uffici dei principali studi e servizi di streaming di Los Angeles, New York e altre città.

Le manifestazioni hanno attirato il sostegno e il potere delle star di alcune delle più grandi celebrità del mondo del cinema e della televisione, comprese le star del film Oppenheimer, che hanno sfilato sul tappeto rosso giovedì sera.

Entrambe le corporazioni vogliono che gli studi e i servizi di streaming ricevano salari migliori, maggiori royalties, contributi ai loro piani pensionistici e sanitari e protezioni per l’uso dell’IA nel settore.

Le produzioni interessate includono i sequel dei franchise Avatar, Deadpool e Gladiator, nonché le prossime stagioni di spettacoli come Stranger Things, Family Guy e The Simpsons.

Eventi tra cui anteprime sul tappeto rosso, interviste promozionali, Emmy e Comic-Con sono già stati cancellati, riprogrammati o ridimensionati.

Titolo del video,

GUARDA: Volti famosi al picchetto a sostegno dello sciopero di Hollywood

L’azione di sciopero è una scomoda transizione verso l’era dello streaming digitale ed è guidata da cambiamenti tecnologici più ampi.

“L’intelligenza artificiale influenzerà tutti”, ha detto alla BBC la vincitrice dell’Oscar Susan Sarandon da un picchetto a New York.

“Sicuramente c’è sempre la sensazione che se non è risolto ora, come lo risolviamo in futuro?” lei disse.

“Se non hai la visione per mettere in atto qualcosa per il futuro, sei fottuto. È chiaro che nulla cambierà dall’alto verso il basso, dipende da noi in fondo”.

Sia gli scrittori che gli attori si sono lamentati di essere pagati molto meno di quanto avrebbero dovuto e che i loro contratti sono stati tagliati a causa dell’inflazione.

Per gli attori, la paga per i ruoli individuali è diminuita, costringendoli a cercare più ruoli per guadagnare la stessa quantità di denaro che guadagnavano qualche anno fa.

I contratti di scrittura sono diventati più brevi e più precari, spesso non includendo il pagamento per il lavoro degli scrittori su revisioni o nuovo materiale.

“Stiamo soffrendo per un’organizzazione molto avida”, ha detto giovedì l’attuale presidente del SAG Fran Tresher. “Sono scioccato dal modo in cui siamo trattati dalle persone con cui siamo in affari”.

I negoziati tra i sindacati e l’AMPTP fallirono, segnando il primo sciopero del settore dal 1960. L’ultimo sciopero degli attori, nel 1980, è durato 10 settimane.

Un terzo sindacato, la Directors Guild of America (DGA), non ha partecipato allo sciopero dopo aver negoziato con successo il proprio contratto a giugno, ma ha detto che il gruppo “sostiene fortemente” gli scioperanti.

Con lo sciopero che dovrebbe durare mesi, i cinema dovranno affrontare problemi e il pubblico potrebbe non avere nulla di nuovo da guardare nei reality da bar e negli sport in diretta.

In una dichiarazione di venerdì, la Casa Bianca ha affermato che il presidente Joe Biden “crede che tutti i lavoratori, compresi gli attori, meritino salari e benefici equi”.

“Il presidente sostiene il diritto di sciopero dei lavoratori e crede che le parti possano raggiungere un accordo reciprocamente vantaggioso”, ha detto la portavoce Robin Patterson.

Gli attori rappresentati dal sindacato gemello del SAG nel Regno Unito – Equity – devono continuare a lavorare come al solito a causa delle leggi sul lavoro del Regno Unito. Ciò include le stelle di House of the Dragon della HBO.

Tuttavia, il sindacato ha detto alle aziende statunitensi di “monitorare molto da vicino” qualsiasi tentativo di spostare i prodotti statunitensi nel Regno Unito.

Titolo del video,

Vedi: Susan Sarandon sui pericoli dell’IA nell’industria cinematografica

READ  Punteggio Bills vs. Bengals: aggiornamenti in tempo reale, statistiche di gioco, momenti salienti, analisi per i playoff NFL 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *