mercoledì, 13 Novembre, 2019

Serie C, se fossero tre gironi misti?

Si avvicina la data di ufficializzazione del format di serie C. Venerdì 12 luglio il Consiglio federale coordinato dal presidente Gabriele Gravina, renderà nota la composizione della Lega Pro guidata da Francesco Ghirelli per il campionato 2019-20.

C’è grande attesa per conoscere le modalità con la quale saranno suddivisi in tre gironi i club ammessi al campionato (55) più quelli riammessi e ripescati. I criteri utilizzabili sono sostanzialmente due  >>> LEGGI QUI. In entrambi i casi si potrebbero determinare gravi squilibri nella composizione dei raggruppamenti.

Si sta facendo strada pertanto una terza via caldeggiata fin dal giugno scorso dal presidente del Renate, Spreafico. In un’intervista al Corriere dello Sport, il dirigente lombardo lanciò la proposta di un mescolamento dei gironi della serie C.

Dichiarò testualmente Spreafico: “I gironi nazionali per una C più bella. Possiamo vendere meglio il prodotto Lega Pro, una competizione nazionale svilupperebbe maggiore interesse al suo interno trasmettendo un elevato potenziale per sponsor, enti, televisioni. Darebbe possibilità di crescita più ampia per i nostri giovani e creerebbe una sorta di selezione naturale tra i club: se non è sostenibile una C a 60 e ci sono club che non ottemperano ai loro doveri, meglio una C a 50″.

Che poi aggiunse: “Mettendo da parte il criterio geografico, possiamo eliminare le lamentele di chi voleva giocare al Nord o al Sud. Propongo che da ogni girone geografico si ricavino tre gruppi per un sorteggio puro. Aumenterebbero i costi per le trasferte, ma l’idea di giocare in stadi come Bari, Avellino e Cesena è affascinante dal punto di vista tecnico, ma anche economico, visto che il 15% degli incassi va alla squadra ospite“.

La proposta sembra molto valida. Le motivazioni lo sono altrettanto. Le squadre della Toscana e della Lombardia, per numerosità, partecipano a una specie di campionato di Eccellenza. Questo non è giusto né corretto, se si vuole creare interesse attorno alla serie C.

Si richiede un’attenta riflessione da parte del Consiglio di Lega Pro, al fine di evitare casi come quello della Viterbese. Che segnò negativamente il girone C durante il campionato scorso >>> LEGGI QUI.

DI Redazione

Avatar
La Redazione di Cuorigialloblu si occupa della gestione degli articoli pubblicati dai propri Redattori, e presta attenzione a tutto quanto ruota attorno ai colori gialloblu

Leggi anche

Viterbese in streaming su Eleven Sports

Eleven Sports, per il quinto anno consecutivo, è broadcaster ufficiale del campionato di Serie C …