lunedì, 23 Novembre, 2020

Stop alla stagione, niente retrocessioni e sfida alla sorte per la B: la proposta della Lega Pro taglia fuori la Viterbese

E se la sconfitta dell’8 marzo con il Rieti ora rischiasse di costare alla Viterbese molto più dei tre punti in palio finiti nel paniere amarantoceleste prima della sospensione dei campionati?

È passato un mese e mezzo dall’ultima gara ufficiale giocata dalla Viterbese, cioè il derby coi Sabini perso malamente al “Rocchi”. Settimane difficili in cui poco si è pensato al calcio, visto che il mondo è stato sconvolto dalla diffusione pandemica del coronavirus, che ha scardinato le nostre certezze, stravolto le nostre vite e causato migliaia di morti.

Il calcio è fermo, ed è giusto che sia così. Perché di fronte a quello che stiamo vivendo non si può pensare alle sorti di uno svago. Però, in attesa che termini il lockdown, si comincia pian piano a ragionare di Fase2 e di ripresa dell’agone pallonaro per chiudere i campionati. E se ormai è quasi scontato che a fine maggio potrà riavviarsi la serie A, dove di soldi e interessi ne girano di più che in serie C, anche la Lega Pro pensa a come fare per concludere la stagione senza ricorsi e battaglie in tribunale.

Dal direttivo della Lega Pro ieri è arrivata, infatti, una proposta che dovrà essere ratificata dall’assemblea di tutte le società in programma il 4 maggio e poi presentata alla FIGC per ottenerne l’accoglimento. Tale proposta, in sostanza, chiede il blocco dei campionati senza chiudere la stagione sul campo, nessuna retrocessione, la promozione in B delle prime tre squadre di ogni girone – vale a dire Monza, Vicenza e Reggina – e la determinazione di una quarta da promuovere attraverso un sistema cabalistico (e cervellotico) di sorteggi tra le compagini in zona play off secondo l’attuale classifica. Di fatto, la quarta squadra che salirebbe in B ci finirebbe sostanzialmente per una botta di c..o di quelle che ti capitano una volta nella vita. 

Questo il testo documento che il direttivo di Lega Pro ha preparato in vista dell’assemblea del 4 maggio:

La Lega Pro richiede al Consiglio Federale della FIGC di disporre:

1) la definitiva sospensione del Campionato Serie C della stagione sportiva 2019/2020;

2) il blocco delle retrocessioni dalla Serie C al Campionato LND al termine della stagione 2019/2020;

3) la promozione alla Serie B di quattro società: le tre società che, alla data odierna, risultano prime in classifica nel rispettivo girone di Serie C ed una quarta società individuata tramite sorteggio tra tutte quelle che, alla data odierna, risultano in una posizione di classifica, nel rispettivo girone di Serie C, che consentirebbe loro l’accesso alla fase play off: il sorteggio dovrà essere effettuato utilizzando lo stesso format/tabellone previsto per la disputa dei Play off;

4) il “blocco” dei ripescaggi in Serie C per la stagione 2020/2021 in conseguenza del maggior numero di club che, con il “blocco” delle retrocessioni di cui al par. 2) che precede, avrebbero titolo per richiedere l’ammissione al Campionato di Serie C 2020/2021.

5) il mantenimento di eventuali ripescaggi in Serie B per la stagione 2020/2021″.

Ed ecco che la Viterbese – rimasta fuori dalla griglia play off proprio in virtù della sconfitta con il Rieti dell’8 marzo scorso -, dodicesima in classifica, sarebbe esclusa anche dalla lotteria promozione attraverso questo inedito e cervellotico meccanismo dei sorteggi. Un meccanismo che lascia molti dubbi sia sulla fattibilità reale di quanto proposto dal direttivo di Lega Pro, sia sulla convergenza unanime dei club di serie C su tale proposta. Fermo restando che l’ultima parola spetta comunque alla FIGC.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Allenamento a porte chiuse per la Viterbese

Un manipolo di tifosi ad attenderli per chiedere loro prestazioni dignitose e immediata inversione di …