Twitter ha cancellato il badge verificato del New York Times per volere di Elon Musk

Commento

Twitter ha rimosso il badge “verificato” dall’account principale del New York Times domenica, una spinta notturna dopo che il proprietario del miliardario Elon Musk ha appreso che il notiziario non avrebbe pagato per il suo servizio Twitter Blue.

La mossa continua il rancore di anni di Musk nei confronti dei giornalisti americani che lo hanno criticato e potrebbe aumentare il rischio di impersonificazione. All’inizio contraddice anche un piano interno segnalato Giovedì il Times ha tenuto i badge per le sue 10.000 aziende più seguite, indipendentemente dal fatto che abbiano pagato.

Twitter ha dichiarato che inizierà a eliminare gradualmente il suo tradizionale programma di verifica a partire da sabato, rimuovendo le icone di verifica blu che ha utilizzato per anni sugli account di aziende verificate, giornalisti e personaggi pubblici.

Al suo posto, Twitter sta implementando un sistema pay-to-play che darà badge a chiunque paghi: denaro di cui l’azienda ha un disperato bisogno per compensare il calo delle entrate pubblicitarie e miliardi di dollari di debiti. Twitter Blue costa agli utenti $ 8 al mese, con una commissione per le aziende che desiderano la verifica $ 1.000 al mese.

Entro domenica mattina, Times – Twitter 24esimo account più seguitoEra uno delle poche decine di account a cui è stato rimosso il badge, secondo i dati raccolti da Travis Browne, uno sviluppatore di software di monitoraggio delle conversioni, con oltre 54 milioni di follower.

Il segno di spunta blu di Twitter è stato amato e odiato. Paga per giocare ora.

La mossa sembra essere stata diretta o incoraggiata personalmente da Musk ha risposto “Oh beh, lo rimuoveremo”, ha detto sabato sera di un promemoria che delineava la decisione del Times di non pagare per la verifica di Twitter.

READ  Un vulcano erutta nella penisola russa di Kamchatka, eruttando enormi nubi di cenere

Il Times, il Washington Post e altre organizzazioni giornalistiche hanno dichiarato giovedì che non pagheranno per la verifica delle loro testate giornalistiche o giornalisti, sebbene il Times abbia affermato che potrebbero esserci alcune rare eccezioni in cui il tag potrebbe essere necessario per “scopi di notifica”.

Alla domanda domenica sulla mossa, una portavoce del Times ha ribadito che la testata giornalistica ancora “non ha intenzione di pagare un canone mensile per contrassegnare lo stato dei nostri account Twitter aziendali”.

Musk non ha risposto immediatamente a un’e-mail in cerca di commenti.

Non è chiaro perché altri account abbiano ancora il badge. Il Post ha riferito venerdì che la rimozione dei badge di verifica richiederebbe un ampio lavoro manuale a causa del software soggetto a errori dell’azienda, che un ex dipendente ha descritto come “tutto tenuto insieme con nastro adesivo”.

In un tweet cancellato domenica mattina presto, Musk lo era disse La società darà agli account verificati “qualche settimana, non pagheranno ora e lo rimuoveremo”.

Musk ha twittato diversi attacchi al Times durante la notte, dicendo che “la loro campagna non è nemmeno interessante”.

Twitter, come politica aziendale imposta da Musk, non risponderà più alle domande dei giornalisti in nessun caso. A dicembre, ha sospeso diversi giornalisti, incluso questo giornalista, per aver twittato sull’improvvisa chiusura degli account della compagnia che avevano condiviso dati pubblici sui jet privati ​​di Musk.

L’incitamento all’odio di Elon Musk su Twitter spinge i contenuti estremisti nelle pagine “Per te”.

Mentre Musk ha detto venerdì che vuole rendere Twitter “il posto più affidabile su Internet”, la mossa renderà più difficile per gli utenti di Twitter distinguere tra account legittimi e falsi. Burloni e troll hanno già iniziato a cambiare nome e foto sulla piattaforma per impersonare celebrità, aziende e politici.

READ  L'Australia rimuove la monarchia britannica dalle sue banconote

Un account, usando il nome e la foto del Times, ha twittato: “Fonti su Twitter dicono che Elon Musk ha un bambino”.

Sebbene l’account principale del Times non abbia più un’icona con il segno di spunta, esistono ancora account per le sue altre proprietà.

Crea anche account di celebrità, inclusa l’icona del basket LeBron James. Twittato Ai suoi oltre 52 milioni di follower venerdì, ha scritto: “Welp ukiss my blue [check mark] Quando saprai che non ho pagato 5 se ne andranno presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *