Un vulcano erutta nella penisola russa di Kamchatka, eruttando enormi nubi di cenere

MOSCA – Un vulcano nella penisola di Kamchatka, nell’estremo oriente della Russia, è esploso all’inizio di martedì, vomitando nuvole di polvere alte 20.000 metri e ricoprendo vaste aree di cenere.

Un pennacchio di cenere dall’eruzione di Shiveluch, uno dei vulcani più attivi della Kamchatka, si estendeva per più di 300 miglia a nord-ovest, inghiottendo diversi villaggi nella polvere vulcanica di cenere.

I funzionari hanno chiuso i cieli della zona agli aerei. Le autorità locali hanno consigliato ai residenti di rimanere in casa e hanno chiuso le scuole in diverse comunità colpite. La corrente è stata interrotta in due villaggi per diverse ore fino a quando il personale di emergenza non li ha ripristinati.

La cenere è caduta su un’area di 41.699 miglia quadrate, secondo il ramo regionale dell’Accademia Russa delle Scienze Geofisiche. Gli scienziati lo hanno descritto come il più grande declino in quasi 60 anni.

Il villaggio di Cluchi, a circa 30 miglia dal vulcano, era ricoperto da uno strato di polvere di 3 pollici. I residenti hanno pubblicato video che mostrano la nuvola di cenere che fa precipitare l’area nell’oscurità.

Il governatore della Kamchatka Vladimir Zolotov ha detto che non c’era bisogno di un’evacuazione di massa, ma alcuni residenti con problemi di salute potrebbero essere evacuati temporaneamente.

Shiveluch è composto da due parti, l’Old Shiveluch di 10.771 piedi e il Young Shiveluch più piccolo e più attivo.

La penisola di Kamchatka, che si estende nell’Oceano Pacifico a circa 4.000 miglia a est di Mosca, è l’area di attività geotermica più concentrata al mondo, con circa 30 vulcani attivi.

READ  Trump, inchiesta legata alle elezioni 2020 Il Comitato del Cancelliere Speciale ha deciso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *