Valuta, costituzione, obbligazioni premium: soluzioni con limite di credito

Spostati, la moneta da mille miliardi di dollari, c’è un nuovo lavoro per il tetto del debito in città – e sembra così complicato che alcuni dei suoi sostenitori hanno suggerito che è più probabile che funzioni.

Per anni, gli scettici sul tetto del debito hanno sostenuto che il limite su quanto gli Stati Uniti potevano prendere in prestito poteva essere raggiunto stampando una valuta di grosso taglio e depositandola in un conto governativo presso la Federal Reserve. Il denaro risultante può essere utilizzato dai funzionari per pagare le bollette della nazione. La manovra trarrebbe vantaggio da una stranezza della legge statunitense che concede al segretario al Tesoro ampia discrezionalità nel coniare monete di platino.

Ma ci sono sempre sfide con l’idea: il Tesoro ha mostrato poco appetito. Non è chiaro se la banca centrale adotterà la valuta. Sembra non convenzionale fino all’assurdo. Ora, alcuni stanno sostenendo un’alternativa dal suono interessante: obbligazioni premium.

Il governo di solito finanzia emettendo debito sotto forma di strumenti finanziari chiamati obbligazioni e cambiali. Valgono un certo importo dopo un certo periodo di tempo, ad esempio $ 1.000 in 10 anni, e pagano “buoni” due volte l’anno nel mezzo. In genere, tali tassi di cedola sono fissati vicino ai tassi di interesse di mercato.

Ma in Obbligazione premium L’idea è che il governo rinnovi le vecchie obbligazioni in scadenza a un tasso cedolare più elevato. Ciò non si aggiunge tecnicamente al debito della nazione: se in precedenza il governo aveva in circolazione obbligazioni a 10 anni per un valore di $ 1.000, ha ancora obbligazioni a 10 anni in circolazione per un valore di $ 1.000. Ma gli investitori pagherebbero di più per detenere un’obbligazione che paga $ 7 all’anno rispetto a un’obbligazione che paga $ 3,50, quindi garantire un tasso di interesse più elevato consentirebbe al Tesoro di raccogliere più denaro.

READ  Annie Wersching di '24', 'The Last of Us', 'Star Trek', muore a 45 anni

Quegli alti tassi di interesse, che costano più soldi al governo, sono un problema? Tecnicamente no. Si applica il limite di credito Valore nominale del debito delle amministrazioni centrali in essere ($ 1.000 nel nostro esempio), non future promesse di pagamento di interessi.

E l’idea potrebbe avere un sapore leggermente diverso. Il governo può emettere obbligazioni che pagano cedole regolari, ma non rimborsano mai il capitale o le obbligazioni permanenti. Le persone li acquistano per un flusso di cassa a lungo termine e non si aggiungono all’importo principale dovuto sul prestito.

L’idea delle obbligazioni premium ha ricevuto il sostegno di alcuni grandi nomi. Il commentatore economico Matthew Yglesias l’ha portato A gennaio, l’editorialista di Bloomberg Matt Levine fu scritto Per questo, l’editorialista del New York Times ed economista premio Nobel Paul Krugman ha presentato un caso questa settimana.

Ma anche i sostenitori delle obbligazioni premium riconoscono che potrebbe affrontare sfide legali o danneggiare la reputazione dell’America agli occhi degli investitori. Inoltre, la loro progettazione e rilascio devono avvenire rapidamente.

“In generale, il Tesoro apporta modifiche lentamente, consultando molti partecipanti al mercato obbligazionario e annunciando offerte in anticipo”, ha dichiarato Joseph E. Gagnon ha detto che il governo dovrebbe offrire uno sconto.

Ma, ha aggiunto, è “decisamente strozzato” e “sosterrebbe che è meglio che non pagare affatto lavoratori o pensionati”.

Sebbene l’idea dell’obbligazione premium possa presentarsi in confezioni diverse, ha molto in comune con l’idea della valuta. Qualsiasi piano sfrutterebbe una scappatoia da aggiungere alle casse del governo senza alzare effettivamente il tetto del debito. Poiché entrambi sono visti come espedienti, potrebbe essere difficile per uno diventare realtà.

READ  'Guardiani della Galassia Vol. 3' Debutto americano da 110 milioni di dollari - Deadline

Di tutte le opzioni che il governo potrebbe utilizzare per superare unilateralmente il tetto del debito, “a nostro avviso sono le meno probabili”, ha affermato Chris Kruger, analista politico presso TD Cowen.

Ma una soluzione imperniata sul 14° emendamento potrebbe ottenere un ampio sostegno, ha detto il sig. disse Kruger. Invoca una disposizione della Costituzione che dice che la validità del debito pubblico non può essere messa in discussione.

Alcuni giuristi sostengono che il linguaggio violi il limite legale del debito, che attualmente riduce il debito federale a 31,4 trilioni di dollari. L’idea è che l’obbligo del governo di pagare il proprio debito violerebbe le regole del tetto del debito, quindi il tetto del debito potrebbe essere ignorato.

Potrebbe non essere una soluzione perfetta: la mossa attirerebbe un’immediata sfida giudiziaria e seminerebbe incertezza nel mercato obbligazionario, ammettono anche i suoi sostenitori. Tuttavia, alcuni funzionari della Casa Bianca hanno esplorato l’opzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *