martedì, 15 Ottobre, 2019

Viterbese, a Catania per cavalcare l’onda

La Viterbese gioca a Catania. Al Massimino, un manipolo coeso di ragazzi in maglia gialloblù cercherà di contrastare il passo alla corazzata etnea uscita con le ossa rotta dalla trasferta di Potenza dopo un inizio di campionato sfolgorante.

A prescindere dall’esito finale, è già importante potersela giocare una partita come questa. Proprio come è accaduto due settimane fa al San Nicola di Bari. Non era affatto scontato, dopo la solita estate travagliata e il cambio di proprietà all’ultimo tuffo, arrivare a una partita di questo livello con il consistente bottino di sei punti in classifica.

In quanto alla sconfitta interna con il Picerno, squadra affamata e ben attrezzata che farà vedere i sorci verdi a molti club del girone C, va catalogato fra gli errori di gioventù. Mister Lopez schiera una squadra dall’età media assai bassa (24,5 anni) e con una panchina ingolfata da ventenni di belle speranze. Ben diverso lo spessore degli uomini a disposizione di Camplone. Non solo quelli che scenderanno in campo, ma anche quelli a disposizione.

La partita, però, si gioca undici contro undici. La Viterbese ha armi e uomini (citiamo Errico e Tounkara su tutti, solo come paradigma) per affrontare alla pari qualsiasi avversario. La fine dell’era Camilli e il passaggio della società a Marco Arturo Romano, con il conseguente cambio di obiettivi, ha un po’ affievolito l’entusiasmo suscitato in città dalla conquista della Coppa Italia.

Ma si sa. Per riavvicinare i tifosi, nel calcio, basta mettere in fila qualche risultato azzeccato e soprattutto riuscire  a divertire. Perché il calcio è un gioco. Anzi, un bellissimo gioco.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, solo elogi dall’ex allenatore Pochesci

Qualche capello bianco in più, qualche intemperanza in meno. Oggi è un tecnico con grande …