giovedì, 3 Dicembre, 2020

Viterbese avanti e raggiunta due volte: con la Vibonese finisce 2-2

VIBONESE (4-3-3): Mengoni (71’ Marson); Sciacca, Bachini (46’ Ciotti), Redolfi, Mahrous; Laaribi, Pugliese, Tumbarello (71’ Parigi); Spina (46’ Berardi), Plescia (82’ La Ragione), Statella. A disposizione: Rasi, Prezzabile, Falla, Leone, Ambro, Montagno Grillo, Vitiello. Allenatore: Angelo Galfano

VITERBESE (3-5-2): Daga; Mbende, Ferrani, Baschirotto; Bezziccheri, Salandria, De Falco (87’ Zanon), Sibilia (79’ Bianchi), De Santis; Rossi (79’ Cappelluzzo), Tounkara. A disposizione: Borsellini, Maraolo, Bensaja, Calì, Scalera, Besea. Allenatore: Agenore Maurizi

Arbitro: Gino Garofalo di Torre del Greco. Assistenti: Marco Ceolin di Treviso, Mattia Regattieri di Finale Emilia. Quarto uomo: Fabrizio Arcidiacono di Acireale.

Ammoniti: Baschirotto, Plescia, Tumbarello, De Falco, Bezziccheri

Note: espulso Statella a tempo scaduto per un colpo a Zanon.

Un gol a testa dei due attaccanti gialloblu non basta alla Viterbese per tornare dalla disgraziata trasferta a Vibo col bottino pieno. I gialloblu, probabilmente anche provati per il viaggio in notturna col pullman ma sempre privi della benché minima idea di gioco, si fanno riprendere due volte dalla Vibonese, sprecando l’occasione per mettere nel carniere i tre punti.

La cronaca Dopo soli 90’ ci pensa Alessandro Rossi a mettere la gara della Viterbese in discesa: cross di Bezziccheri, girata di Tounkara e il colpo di testa vincente del centravanti ex Laziale che fa 1-0.

Nonostante le disavventure del pre gara, la Viterbese sembra andare in campo con più sprint rispetto alle ultime uscite e per un po’ fa vedere anche qualche sprazzo di gioco. L’inserimento sulla corsia destra di Bezziccheri, che non è un esterno ma è comunque un giocatore più offensivo, produce qualche palla in più per le due punte e al 9’ arriva una buona occasione di Tounkara: solo in contropiede, in area non tira e sbaglia il passaggio per Rossi, sprecando da ottima posizione.

Prima mezz’ora in cui la Vibonese sembra aver  accusato il colpo del gol a freddo, perché nonostante il possesso palla continuo e la presenza nella metà campo della Viterbese, non graffia. Di contro, nonostante il centrocampo a cinque, la Viterbese non fa girare palla, ma in fase di contenimento non ha grandi affanni. Sostanziale equilibrio.

La Viterbese non sale, schiacciata come sempre nella propria area di rigore, e la Vibonese ci prova. E dopo diverse incursioni trova il pareggio al 33’: rimpallo al limite dell’area, l’ottimo Plescia lancia un filtrante per Statella che si lascia alle spalle due imbambolati Baschirotto e De Santis e batte un non certo incolpevole Daga per il gol dell’1-1.

Tutto da rifare per i gialloblu. Al 43’ un errore grave di Baschirotto su un passaggio in orizzontale innesca l’attacco della Vibonese, ma il tridente dei calabresi cincischia. Capovolgimento di fronte e al 45’ arriva il raddoppio della Viterbese: su una ripartenza veloce, il lancio lungo di Sibilia trova ben piazzato Tounkara, che in diagonale la piazza alle spalle di Mengoni. Gol molto bello, da attaccante vero, che chiude il primo tempo.

La Vibonese scende in campo più aggressiva. Al 48’ Daga salva il risultato con una parata su Statella. Poche emozioni, con i rossoblu che danno più la sensazione di volerci provare, specie con le incursioni Mahrous, Plescia e Statella. All’attacco della Viterbese non arriva un pallone, Rossi e Tounkara sono isolati e il gioco gialloblu si cristallizza su un abulico controllo senza spinta. Dal limite al 67’ è Tumbarello a tentare una conclusione che però finisce alta sopra la traversa. Il portiere ci mette le mani invece al 69’ su un tiro in diagonale di Ciotti.

Al 72’ la Vibonese raggiunge nuovamente la Viterbese, complice la solita tendenza gialloblu a schiacciarsi nella propria metà campo. Un gran sinistro di Plescia, che intercetta una ribattuta di Berardi, rasoterra finisce in rete proprio sul palo di Daga, anche in questo caso non impeccabile. Ultimo guizzo al 91’, quando un tiro centrale di Ciotti finisce tra le braccia del portiere gialloblu, chiudendo di fatto la gara, tra gli inviti della panchina ad attendere il triplice fischio senza ulteriori rischi.

La Viterbese porta a casa un pareggio che per le condizioni della vigilia sarebbe stato anche più che auspicabile, visti i positivi al Covid e i disagi per raggiungere Vibo. Però per come si era messa la gara i gialloblu avrebbero potuto aspirare a qualcosa di più del punto preso. Ma rinunciare a giocare chiudendosi dietro per la maggior parte della gara, lasciandosi recuperare per due volte non è la strada per andare in paradiso. Bene, quindi, il punto in trasferta, su un campo difficile, ma sul fronte della costruzione del gioco la Viterbese deve ancora migliorare molto.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Taurino senza filtri: “La Viterbese ha una timidezza che non può appartenere ad una squadra di calcio”

Peli sulla lingua non ne ha. E si assume la responsabilità delle prestazioni imbarazzanti di …