giovedì, 5 Dicembre, 2019
Ultime notizie

Viterbese-Cavese 0-1, Foresti ce l’ha con la Lega

Il professionismo è un’altra cosa. Quello che è accaduto ieri durante Viterbese – Cavese, con il guardalineee che si infortuna e con la partita che va avanti senza assistenti, sostituiti da due dirigenti delle squadre in campo, è qualcosa che con i campionati professionistici non ha nulla a che fare. Specie quando la gara viene decisa da un gol in sospetto fuorigioco, che nessuno ha segnalato.

Tutto secondo regolamento, per carità. Però si tratta di una gestione troppo approssimativa: senza guardalinee, la partita andava interrotta e poi ripresa con l’intera terna a disposizione. Perché il tempo del calcio all’oratorio è passato da un pezzo.

“Siamo nel 2020, facciamo professionismo, la società investe soldi e finiamo la partita senza guardalinee – sbotta il dg gialloblu Foresti a fine gara, mettendo nel mirino la Lega -. Poi il gol preso ci sta, non è quello che fa rabbia, anche con il dubbio fuorigioco. Un altro arbitro lo avrebbe annullato al 100%. Per 40 minuti dopo l’infortunio del guardalinee non si è più giocato a calcio”.

Foresti ricostruisce la genesi dell’episodio. “Sabato ho chiamato gli organi competenti per capire perché erano stati cambiato tre arbitri in 24 ore. Il primo si era infortunato, l’altro aveva 40 di febbre. In questa terna scesa in campo però il guardalinee stava già messo male prima della partita. È assurdo”.

“Siamo in un campionato professionistico, non si può non avere il quarto uomo – si sfoga il dg gialloblu -. Cambiamo tre arbitri in 24 ore e finisci senza segnalinee. Meritiamo più rispetto. L’arbitro può sbagliare, ma la Viterbese non ha mai avuto neanche un punto per errori a favore. Oggi (ieri ndr) il direttore di gara non ha fatto errori, ma l’atteggiamento usato con noi e con gli avversari è stato diverso”.

Foresti lancia un appello. “Non si può andare avanti così, vado sempre alle assemblee di Lega e invece di stare solo a parlare di fair play, si dovrebbero affrontare questi di problemi. Predicano la collaborazione ma poi oggi finisce che giochiamo senza assistente. E se succedeva una così in un’altra piazza? L’arbitro sarebbe stato circondato. La Viterbese merita rispetto, il presidente Romano merita rispetto – conclude -. Ci devono trattare come gli altri pure se non siamo blasonati come gli altri. Per questi errori la Viterbese ha 6/7 punti in meno”.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Viterbese-Avellino, le ultime dalle sedi

Si gioca domenica 1 dicembre 2019 Viterbese-Avellino, partita valida per la diciottesima giornata del campionato …