sabato, 19 Giugno, 2021

Viterbese, Davide Luppi farà la differenza?

La Viterbese ha gestito in modo magistrale la finestra di mercato di gennaio, spesso foriera di soluzioni raffazzonate. La società ha agito con lungimiranza. L’analisi dei movimenti in entrata/uscita lo conferma appieno >>> LEGGI QUI.

L’arrivo di Davide Luppi potrebbe essere la chiave di volta per risolvere i cronici problemi offensivi della banda Calabro. La delusione Saraniti, rientrato a Lecce senza lasciare molti rimpianti nell’ambiente gialloblù, tiene però in qualche apprensione i tifosi.

Le aspettative riposte nell’attaccante di Trescore Balneario sono giustificate da un curriculum eccellente >>> LEGGI QUI, avvalorato dalla sua predisposizione a un tipo di gioco molto coriaceo. Un dato che, in un girone gladiatorio come quello meridionale della terza serie nazionale, rappresenta un valore aggiunto.

Il fatto è che il giocatore è stato fermo praticamente un anno, a seguito di un infortunio muscolare patito a fine 2017 quando giocava nella Virtus Entella. Un calvario dal quale l’attaccante sembra definitivamente uscito. Le ultime notizie lo davano in direzione Modena (club con il quale si è allenato per recuperare la forma) o Avellino. Due società in cerca di riscatto, dopo i rispettivi fallimenti.

Luppi ha scelto di rilanciarsi partendo da Viterbo. Qui trova una società sana e solvibile. L’ambiente, va detto, non mette quasi mai sotto pressione i giocatori. Un mix che lo ha evidentemente convinto a prendere questa decisione.

Se l’attaccante sarà animato dallo spirito che gli è valso il soprannome di lupo-pirata e che lo ha portato a disputare splendide stagioni in serie B, la proprietà avrà fatto bingo. Sarebbe meraviglioso, per lui e per i tifosi gialloblù, ritrovare il Luppi che ha giocato alla grande nell’Hellas Verona.

Al Bentegodi i “butei” lo ricordano ancora per la sua animosità da vero combattente. Che la buena suerte lo assista. Per il giocatore potrebbe essere la stagione del meritato rilancio e per la Viterbese rappresentare l’atteso salto di qualità in una zona nevralgica del campo.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Storie di serie C, il curioso caso Matelica-Ancona

Nasce un nuovo progetto tra Ancona e Matelica. Il titolo sportivo del Matelica, che ha disputato …