martedì, 3 Agosto, 2021

Viterbese finalmente nel girone B, manca solo l’ufficialità

Stavolta ha prevalso il principio dell’alternanza, ma anche il buonsenso.  Non si può ancora parlare di ufficialità, ma la notizia circolata nelle ultime ore dalle parti di via della Palazzina è più che un’indiscrezione, altamente attendibile: la Viterbese nel prossimo campionato, finalmente, lascerà il girone C e sarà inserita nel raggruppamento centrale.

I gialloblu, dunque, sembrano proprio aver vinto la “sfida” col Pescara e l’Olbia per un posto al sole nel girone B. Dove le distanze (e quindi le spese) sono ridotte e dove ci sono meno corazzate a contendersi il primato. Certo, invece, l’inserimento a sud del Monterosi neopromosso, che (salvo imprevisti dell’ultimo minuto) giocherà comunque al “Rocchi” nel suo primo campionato tra i professionisti. E’, infatti, pronta la delibera di giunta contenente il nulla osta del Comune di Viterbo all’accordo per la condivisione del “Rocchi” tra Viterbese e Monterosi.

Prudenza, certo, finché non arriverà l’ufficialità, ma c’è cauto ottimismo dalle parti della Palazzina. Perché qualche rassicurazione in più rispetto al passato stavolta è arrivata sul serio. Non sarà la Viterbese, dunque, la ventesima del raggruppamento C, come accaduto negli ultimi anni, ma con ogni probabilità il Pescara, sebbene la più a sud delle tre sia l’Olbia, stavolta non più tanto certa di restare a nord o al centro.

La Viterbese non sarà più a sud per una questione non solo di logica (Pescara è meglio collegata con le città del sud e Olbia deve comunque viaggiare in aereo o in nave, indipendentemente dalla destinazione), ma anche di alternanza tra le società che si trovano “nella terra di mezzo” e che sono al confine tra i gironi. La Viterbese questo scotto lo ha pagato per tre anni e sarebbe profondamente ingiusto se dovesse venire di nuovo penalizzata con l’obbligo di distanze abissali per le trasferte. Specie ora che, si spera, gli stadi torneranno ad essere aperti ai tifosi.

Il girone B dovrebbe, pertanto, essere così composto: Viterbese, Montevarchi, Carpi, Carrarese, Cesena, Fermana, Grosseto, Gubbio, Imolese, Modena, Piacenza, Pontedera, Reggiana, Sambenedettese, Teramo, Entella, Vis Pesaro, Aglianese/Fiorenzuola, Ancona (per effetto della fusione col Matelica), Olbia (o Mantova, qualora la squadra sarda venisse inserita nel girone A, o Pescara, qualora l’Olbia andasse a sud). 

 

 

DI Eleonora Celestini

“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Serie C, la Figc rinvia al dopo TAR la composizione del format

In quanto a ripescaggi e riammissioni il Consiglio federale che si è tenuto ieri non …