mercoledì, 30 Settembre, 2020

Viterbese, il cuore dentro le scarpe

La sensazione più bella, dopo il primo punto in classifica messo in cascina contro un avversario di qualità come la Casertana, è quella di essere tornati a parlare di calcio giocato (nella foto, ripresa da Leoni Gialloblù, la tribuna del Rocchi).

È impagabile riascoltare dopo così tanto tempo la voce di un allenatore che analizza in sala stampa l’andamento della partita con i giornalisti, in totale serenità. Se poi alle parole di Sottili si sovrappongono quelle di  Sini e Saraniti, giocatori di grande spessore tecnico e umano, si riesce finalmente a trasmettere ai tifosi l’aria di rivalsa che tira dentro lo spogliatoio.

Ci riferiamo anche e soprattutto a questo, quando sosteniamo che occorre ritrovare al più presto l’allegria >>> leggi QUI.  Per farlo occorre ritornare alla normalità, intaccata dal lungo periodo di stop e dall’incubo di tre sconfitte consecutive nell’arco di una sola settimana.

La società ha preso una decisione saggia e lungimirante nel riaprire le porte della sala stampa. Solo remando tutti dalla stessa parte si potrà risalire la china come è nelle possibilità di una squadra formata da uomini veri. Lo confermano le parole autorevoli del capitano Sini  e quelle di un Saraniti che ha le idee molto chiare.

La palla adesso passa ai giocatori, come è giusto che sia quando si parla di calcio. Chi scende in campo dovrà mettere il cuore dentro le scarpe, come racconta in musica De Gregori. Perchè la Viterbese, con la rosa che si ritrova, merita di tornare quanto prima dove le compete.

La controprova è alle porte perché, quest’anno, in casa gialloblù si va di corsa. Le partite con la Juve Stabia e la Vibonese ci diranno se lo spogliatoio si è finalmente ricompattato o se, invece, le parole se le porta il vento.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Maurizi: “Rispetto per la Ternana, ma noi siamo la Viterbese e vogliamo crescere”

“Abbiamo tanta voglia di giocare e di entrare in campo visti i mesi di stop …