sabato, 26 Settembre, 2020

Viterbese, l’aria che tira

In casa Viterbese le cose non vanno bene. Anzi, vanno malissimo. La partita in programma sabato al Rocchi con la Casertana offre a Sottili l’occasione di invertire una tendenza che sta deprimendo l’ambiente gialloblù oltre ogni misura. Il silenzio stampa scelto dalla società è, sotto questo aspetto, molto più assordante di tante parole.

Anche nel club campano la situazione non è rosea. La sontuosa campagna acquisti estiva faceva pensare in grande, se non in grandissimo. Invece la Casertana è ferma a 14 punti in 10 gare. Il gioco latita. Il modulo e le scelte del tecnico Fontana non convincono. Contro il Trapani, Floro Flores (nella foto) e Alfageme non hanno fatto parte dell’undici di partenza. Si fa fatica a capirne le ragioni dall’esterno. Una scelta che in molti non hanno condiviso. Tanto per cambiare, anche questa panchina comincia a scricchiolare.

Se la Viterbese viene da tre sconfitte consecutive in una settimana, un rospo difficile da mandare giù viste le ambizioni di inizio estate, la Casertana arriva da cinque risultati utili consecutivi. Peccato si tratti solo di pareggi, che non aiutano a far decollare la classifica.

Cosa saprà inventarsi Sottili per dare al gruppo un gioco che finora non si è proprio visto, ma solo immaginato? Dovrà certo lavorare sul modulo, ma soprattutto sulle gambe e sulla testa di giocatori che sembrano andati in tilt. Sull’altro fronte c’è una sorta di stato di allerta. Ci si aspetta che Fontana tiri fuori il coniglio dal cilindro, vista la rosa su cui può contare.

Viterbese e Casertana dunque, per opposti motivi, sono a caccia dei tre punti. E però l’aria che tira non è delle migliori, per entrambe. Speriamo che la tramontana favorisca la (spenta) truppa gialloblù fino a spingerla  verso una vittoria che servirebbe come il pane.

Certo avrebbe fatto comodo un avversario meno tosto, per ripartire. Ma peggio di quanto si è visto tra Rieti, Leonzio e Matera non crediamo sia possibile. Chissà che il blasone dell’avversario non sia il pungolo che ci voleva per un gruppo apparso fin qui molliccio e per niente coeso?

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Mercato Viterbese, è fatta per Falbo: arriva in prestito secco dalla Lazio

Lo aveva detto due giorni fa in conferenza stampa il presidente Marco Arturo Romano: “Per …