Viterbese, quando siete felici fateci caso - Viterbese Calcio News- Cuori Gialloblu
giovedì, 20 Giugno, 2019
Ultime notizie

Viterbese, quando siete felici fateci caso

Al Rocchi, sotto il diluvio, ennesima partita epica della “banda Calabro”. La Viterbese è nel pieno di un tour de force che schianterebbe un bue. Deve fare a meno di elementi fondamentali in difesa, a centrocampo (dove già basta e avanza l’assenza di uno come Baldassin) e in attacco. Finisce sotto di due gol a venti minuti dalla fine, con uno squadrone come il Catanzaro.

Nessun problema. Sparandeo viene schierato a sinistra nella solita difesa a tre. Dopo l’espulsione di Rinaldi, passa addirittura al centro. Il ragazzo di Benevento se la cava alla grande. Non solo fa un partitone. È anche l’autore del cross, nell’area giallorossa, che consente la zuccata di Atanasov messo in attacco nel finale di partita. La prova di Sparandeo è il paradigma di un pareggio che rischia di far saltare le coronarie. Che vale molto più di una vittoria. 

Basterebbero queste due mosse per capire che razza di stratega sia Calabro. Ma non è tutto qui, ovviamente. I giocatori in campo, nessuno escluso, si sono resi protagonisti di una delle tante giornate da incorniciare di questa stagione terribile per il club gialloblù. 

Sarà un’annata comunque indimenticabile. Questo gruppo di ragazzi, guidati in panchina da un vero condottiero, sta facendo vivere ai tifosi un calcio d’altri tempi. Gioia allo stato puro. Un grazie incondizionato, per il sano divertimento che ci regalano due volte alla settimana.

Resta un mistero glorioso la ragione per la quale Viterbo non si schieri a sostegno di un manipolo di giocatori che, con orgoglio e veemenza, portano in giro per l’Italia i colori della città. Gli assenti non sanno cosa si perdono, fermo restando che questa indifferenza ha ben poche giustificazioni. Vedere il Rocchi vuoto, fa male.

Cambierà qualcosa, da qui alla fine? C’è qualcuno che ha voglia di unirsi alla felicità dei pochi e indomabili tifosi gialloblù che seguono sempre la squadra? Si riscalderebbe il cuore, credeteci sulla parola. Non si pentirà di essere diventato uno di noi.    

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, non si può afferrare una stella?

Comunque vadano a finire le cose, l’ennesimo strappo consumato dal patron Piero Camilli con il …