domenica, 18 Aprile, 2021
Foto: Luca Prosperoni

Viterbese, se il calciomercato langue

Da lunedì sera Antonio Calabro non è più l’allenatore della Viterbese. Ha lasciato la panchina per motivi personali e nessuno su questo può sindacare. Una scelta familiare, spiegata in conferenza stampa, che rispettiamo, augurando al bravo tecnico le migliori fortune, in famiglia e nella sua carriera.

Il presidente Marco Arturo Romano si è trovato a cinque giorni dall’inizio della stagione a dover trovare un altro allenatore al quale affidare la squadra e la scelta non è potuta che ricadere su mister Giovanni Lopez, già sul libro paga del club e con buona esperienza con i giovani.

A prescindere dalle reali motivazioni del cambio di guida tecnica, continua a tenere banco la questione under, che da settimane aveva inasprito i rapporti tra l’allenatore di Melendugno e l’area tecnica della Viterbese (composta dai ds Tito Corsi e Marco Lancetti).

Le dure parole di Calabro affidate al collega Samuele Sansonetti di Tusciaweb una decina di giorni fa riecheggiano ancora troppo chiare per poterle ignorare. I contributi del minutaggio hanno probabilmente influito sulla rinuncia di Calabro, soprattutto nel particolare momento di difficoltà personale del tecnico.

Senza nulla togliere a mister Lopez, l’amarezza per l’addio di Calabro ha disorientato una parte dei tifosi gialloblu, per cui l’allenatore pugliese era sinonimo di garanzia. I tecnici passano e la maglia resta, certamente, ma dopo un’estate a dir poco complicata il gran rifiuto di un allenatore adorato dalla piazza è stato difficile da mandar giù.

Specie se – speriamo di no – da qui al 2 settembre non arriveranno dal mercato altri under adatti alla categoria che possano soddisfare sia le esigenze della panchina sia l’equilibrio del bilancio della Viterbese, interessata soprattutto, legittimamente, a far cassa coi giovani nati dal 1998 in poi. Una volta presi, visto che ad oggi scarseggiano, come sottolineato da Calabro e ribadito da Lopez, il quale ha già parlato di completamento necessario della rosa.

Inutile dire, oltre questo, che le poco rassicuranti voci di mercato sulle imminenti cessioni di Vandeputte e Atanasov (nella foto, la rete che ha consentito la conquista della Coppa Italia), due pezzi da 90 di una rosa di per sé ancora incompleta, non aiutano a rasserenare il clima.

Il passo da “non venderemo nessuno” a “cederemo chi vuole andare ma a fronte di adeguati rimpiazzi” è stato breve, ma alle dichiarazioni non sono seguiti i fatti. Sulla corsia sinistra si aspetta ancora il sostituto di Mignanelli, per dire.

Deve restare assolutamente chiaro a tutti che c’è una categoria, la serie C, da mantenere e che nel calcio, come nella vita, per scendere in campo dovrebbe contare il merito e non lo sponsor o il bottino a fine giornata.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Mercato Viterbese, come cambia la rosa?

Oggi chiude l’interminabile finestra di gennaio del calciomercato. Fermo restando che ci sembra un’idea folle …