martedì, 15 Ottobre, 2019

Viterbese, spauracchio Sicula Leonzio

Il risultato dell’anomala partita di esordio è stato duro da digerire per i tifosi gialloblù. Iniziare il campionato al Rocchi, riuscire a richiamare un bel po’ di gente nonostante il periodo di lunghissimo stop e poi perdere contro un Rieti giovane e rabberciato non è certo il massimo della vita.

Cuori Gialloblù ha provato ad analizzare questa sconfitta da diversi punti di vista. Siamo un sito di tifosi, nato per stare dalla parte dei tifosi e per tutelare le maglie gialloblù. Proprio per questa ragione l’inatteso tonfo interno con i sabini è stato vissuto in modo diverso, come ha potuto constatare chi ha la voglia di seguirci in questa nostra avventura >>> QUI, QUI e QUI.

Riflessioni che possono sembrare in contraddizione, e forse lo sono, ma che vogliono esprimere la trasversalità della passione e dare spazio alle diverse anime del tifo. È questo il nostro obiettivo, in una stagione che si preannuncia molto diversa da quanto il finale dello scorso anno e le tre partite di Coppa Italia avrebbero lasciato presagire.

Non c’è nemmeno il tempo di tirare il fiato per capire chi ha ragione e chi ha torto. Dopo appena tre giorni bussa già alle porte la Sicula Leonzio dell’ex Marano (che proprio sabato scorso ha festeggiato le duecento presenze tra i professionisti). Una gara che sta creando tensioni e aspettative, dopo la inattesa battuta d’arresto subita alla prima.

Una Viterbese troppo brutta per essere vera. Non resterebbe che sperare in un burn out collettivo di giocatori e staff tecnico, poi sfociato in una prestazione davvero orribile. Diversamente sarebbe difficile spiegare il black out che ha colpito giocatori di grande esperienza e sagacia tecnica che in campo erano solo anime vaganti, a prescindere da formazione e modulo.

L’allenatore è già a rischio. La panchina di Lopez trema. La Sicula Leonzio, dopo lunghissime settimane di stop e alla seconda partita ufficiale, è già diventata l’ultima spiaggia. Uno spauracchio.

Lasciamo ad altri l’analisi tecnica della sconfitta con il Rieti e della prossima gara con i siciliani, ma permetteteci di osservare che certi atteggiamenti ultimativi fanno bene all’ambiente solo fino a un certo punto.

In cuor nostro speriamo di essere prontamente smentiti dai fatti e dai risultati sul campo che potrebbero conseguire a un certo tipo di provvedimenti se le cose non andranno per il verso giusto, ma solo per il bene delle maglie.

Resta fermo che, per molte e giustificate ragioni, ci saremmo aspettati un ben diverso e rasserenante avvio di stagione.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, solo elogi dall’ex allenatore Pochesci

Qualche capello bianco in più, qualche intemperanza in meno. Oggi è un tecnico con grande …