lunedì, 8 Marzo, 2021

Viterbese, tabù sfatato: col Teramo arriva la prima vittoria casalinga (1-0)

Viterbese (4-3-3) Daga; Urso (59’ Bianchi), Mbende, Markic, Baschirotto; Salandria (80’ Besea), Bensaja (80’ De Falco), Palermo (k); Simonelli, Tounkara (80’ Rossi), Mourilo (76’ Bezziccheri). A disposizione: Maraolo, Ricci, De Santis, Menghi, Sibilia, Galardi, Cappelluzzo. Allenatore: Roberto Taurino

Teramo (4-2-3-1) Lewandowski; Tentardini, Diakite, Piacentini, Costa Ferreira; Arrigoni (K), Viero (71’ Mungo); Ilari (56’ Cappa), Bombagi, Santoro; Pinsauti (67’ Gerbi). A disposizione: D’Egidio, Trasciani, Soprano, Di Francesco, Birligea, Di Matteo. Allenatore: Massimo Paci.

Arbitro Luigi Catanoso di Reggio Calabria, assistenti Ivano Agostino di Cinisello Balsamo e Nicolò Moroni di Treviglio. Quarto uomo Maria Marotta di Sapri.

Marcatori: Markic 44’

Ammoniti Palermo, Ilari, Arrigoni, Tounkara, Diakite

Note: recupero 1’ pt, 5’ st

 

Ha avuto ragione mister Taurino: la Viterbese ha acquisito maturità ed è riuscita a sfatare il tabù del Rocchi con una vittoria che mancava tra le mura amiche fa quasi un anno. Contro il Teramo è arrivato il primo successo casalingo stagionale grazie un gol di Markic, dopo una buona prestazione dei gialloblu. Una vittoria meritata contro un avversario tenace seppur poco incisivo. Tre punti pesantissimi in chiave salvezza.

La cronaca Parte bene il Teramo che si fa vedere dalle parti di Daga con Pinsauti. All’8’ il fallo di Palermo quasi al limite su Santoro procura un giallo al centrocampista della Viterbese e una punizione al Teramo: in questa occasione arriva una splendida doppia parata di Daga, che prima intercetta una rasoiata su punizione a Bombagi, e poi compie un miracolo sulla ribattuta di Santoro, salvando la porta dei padroni di casa.

Il Teramo sembra più reattivo della Viterbese nelle prime fasi della gara, ma gli errori in fase di interdizione e di impostazione sono molteplici da entrambi i lati del campo. La Viterbese ha un po’ il freno a mano tirato, complice anche la temperatura polare del Rocchi, infatti Taurino si sgola per dare indicazioni ai suoi e spronarli.

Prima azione pericolosa della Viterbese all mezz’ora, con una percussione di Urso fino in area avversari, ma il tiro finisce in corner ad opera di Diakite. Niente da fare per gli sviluppi del doppio lancio, sempre ad opera dello stesso Urso, dalla bandierina. La Viterbese ora sembra aver preso maggiore ritmo e guadagna qualche metro. Al 33’ ci prova Palermo, servito da un bel cross di Tounkara, ma il tuffo di Lewandowski salva il risultato. Un minuto dopo Urso mette una deliziosa palla da destra sui piedi dell’ultimo arrivato Murilo, ma il tiro finisce al lato della porta.

Al 44’ l’episodio che sblocca il risultato: Ilari atterra Urso sulla trequarti, Bensaja si occupa della punizione e dagli sviluppi in area spunta Markic, tra i migliori, e di piede la insacca sul secondo palo. Il primo tempo si chiude con il vantaggio gialloblu.

Nella ripresa la Viterbese, rinvigorita dal vantaggio, scende in campo più sprint. Al 46’ ci prova subito Urso, con un tiro dalla distanza che finisce al lato. Al 51’ il portiere del Teramo salva il raddoppio sulla scivolata di Baschirotto, servito da Salandria. La Viterbese ora ci crede e spinge per cercare il raddoppio: al 54’ ci prova Tounkara, ma il tiro è facile da intercettare per Lewandowski.

Al 58’ il Teramo cerca di far girare l’inerzia con una punizione di Bombagi, che termina alta sopra la traversa. Al 62’ Bombagi insidia Daga, ma il portiere della Viterbese fa buona guardia. I gialloblu non si accontentano e cercano il raddoppio, ma il Teramo non cede il passo e schiaccia un po’ i padroni di casa nella propria metà campo, seppur senza esito.

Al 78’ Tounkara si mangia clamorosamente il raddoppio: servito da Bezziccheri che era riuscito a smarcarsi da un avversario, da solo davanti al portiere non serve Simonelli meglio piazzato e incredibilmente si fa bloccare la palla da Lewandowski. All’80’ Arrigoni sulla fasci apre per Tentardini che serve Mungo, ma il tiro al volo del neo entrato finisce in Curva Nord.

La partita si fa maschia e si incattivisce, il direttore di gara ammonisce Arrigoni e Tounkara che si spintonano, proprio un attimo prima del triplice cambio di Taurino: fuori l’ex laziale, Bensaja e Salandria, dentro Rossi, De Falco e Besea. Il Teramo tenta le ultime incursioni, ma la linea Viterbese tiene. Ultimi minuti di sofferenza, ma alla fine i gialloblu portano a casa i tre punti con merito.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Besea risponde a Diop: Paganese – Viterbese finisce in pareggio (1-1)

PAGANESE: Baiocco; Cigagna, Sbampato (1’st Schiavino), Sirignano; Zanini, Bramati (1’st Bonavolontà), Antezza, Squillace (14’st Carotenuto); Guadagni …