mercoledì, 30 Settembre, 2020

Viterbese-Teramo, Calabro vuole grinta

Si torna in campo. Dopo il poker subito a Catanzaro domenica scorsa, domani la Viterbese attende il Teramo al “Rocchi”: archiviato l’episodio – da dimenticare – in Calabria, si riparte da quanto di buono visto nel secondo tempo della gara di due settimane fa col Catania. O almeno è quello che spera l’allenatore gialloblu Antonio Calabro, 

“Ogni partita ha una propria storia, a Catanzaro per mezz’ora siamo andati bene poi ci siamo disuniti dopo il gol – spiega il tecnico -. Nel secondo siamo ripartiti forte, ma il 2-0 ci ha tagliato gambe. Non mi è piaciuto il fatto che la squadra abbia mollato mentalmente quando mancava ancora mezz’ora. L’abbiamo analizzata a lungo e a dovere, pensando alla prossima gara”.

Catanzaro è il passato, il futuro prossimo si chiama Teramo. “Che mi aspetto domani? Una prestazione in linea con le nostre ultime – continua l’allenatore della Viterbese -, sapendo che di fronte abbiamo una squadra costruita per vincere il campionato al pari di Reggina, Bari, Ternana, ma che dista da noi solo 4 punti. Hanno uno score eccezionale in casa, mentre fuori lasciano qualcosa, ma la rosa è frutto di investimenti importanti”.

Senza gli infortunati cronici De Falco e Palermo, Calabro dovrà rinunciare di nuovo anche a Volpe, mentre è in dubbio Besea, “che va a corrente alternata perché ha la pubalgia – spiega il tecnico -. Non ci sarà neanche Bezziccheri, che si porta dietro da tempo un problema al ginocchio. Rientrano Baschirotto e Bianchi”. Ancora lontana la forma ideale per De Santis. “Non è pronto per una partita intera – sentenzia -. De Santis si allena con noi da 20 giorni, pensavo avesse 30’ nelle gambe ma invece ancora non ha il minutaggio che ci serve. Lo aspettiamo, sperando che lui sia il primo a dare qualche messaggio in allenamento e che io debba solo coglierlo”.

“Non possiamo pensare di giocarcela alla pari col Teramo per tecnica e per esperienza – aggiunge Calabro -, dobbiamo puntare su altro, dobbiamo stare sul pezzo sempre”. Qualche sorpresa e qualche cambiamento nella formazione sono altamente probabili, anche se “non sempre si può tirare fuori il coniglio dal cilindro – spiega -. Se abbiamo meno qualità tecnica senza Culina? Non penso, rispetto all’andata in più abbiamo Bunino. Culina ha fatto bene contro il Bari, come qualità di gioco e come atteggiamento, e benissimo contro il Catania. Quando stava in forma ci ha aiutati, ma abbiamo altri giocatori, come Simonelli e Molinaro, sfruttiamo quelli che abbiamo”.

Tutti tranne Pacilli, che resta ancora fuori rosa. “Non entro nel merito della vicenda Pacilli perché sono situazioni societarie – conclude -, – almeno per ora si va avanti così. Se mi chiederanno un giudizio io lo darò, ma la squadra ha fatto bene sia con lui che senza di lui. Per ora andiamo avanti così”.

Questi i giocatori gialloblu convocati per la gara di domani contro il Teramo: Antezza, Baschirotto, Besea, Bensaja, Bianchi, Biggeri, Bunino, De Giorgi, De Santis, Errico, Markic, Molinaro, Negro, Pini, Scalera, Sibilia, Simonelli, Tounkara, Urso, Vitali, Zanoli.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Maurizi: “Rispetto per la Ternana, ma noi siamo la Viterbese e vogliamo crescere”

“Abbiamo tanta voglia di giocare e di entrare in campo visti i mesi di stop …