martedì, 15 Ottobre, 2019

Viterbese, tifosi in bilico tra amore e disamore

La Viterbese di Piero Camilli ha viaggiato con il vento in poppa per sei anni. Merito esclusivo di un patron che ne ha raccolto i cocci e ha riportato la squadra in terza serie nazionale (passando attraverso due campionati vinti, uno  in Eccellenza e uno in Serie D). Fino alla conquista della Coppa Italia Serie C, nella storica finale con il Monza (nella foto), che rappresenta l’apice di un progetto che si prospettava duraturo e vincente.

Qualcosa però si è rotto. Anche e soprattutto per ragioni extra calcistiche, a nostro parere. Si è scatenata, di conseguenza, l’ira funesta della proprietà. Dopo essere stata tenuta in bilico per settimane, la Viterbese solo in extremis è stata iscritta al prossimo campionato di serie C. Ciò non ha impedito a Camilli di rilasciare dichiarazioni di fuoco contro la città e di mettere nel contempo in vendita la sua creatura.

Le trattative sono in corso, nel momento in cui scriviamo. L’esito, dunque, è incerto. Non vogliamo entrare nella questione. Ha una valenza puramente imprenditoriale e, pertanto, non è di nostra competenza. Né vogliamo inseguire i tanti nomi, più o meno validi, che si stanno rincorrendo fino allo sfinimento. Ci fidiamo in toto delle parole di Piero Camilli. Ha promesso di lasciare la Viterbese in buone mani e sarà certamente così. Non rimane che lasciarlo lavorare e aspettare il responso definitivo.

Resta però una considerazione da fare. Un diverso radicamento tra il club gialloblù e il territorio, in questo periodo lungo sei anni, si sarebbe potuto (dovuto?) costruire. Le ragioni per le quali ciò non è avvenuto, sono molteplici. Non è questo il momento per analizzarle ma, come spesso accade, i torti vanno equamente suddivisi tra le parti chiamate in causa.

La grande séduction” è un delizioso film canadese del 2003. Racconta i mille espedienti che gli abitanti di un piccolo villaggio, Sainte-Marie-la-Mauderne sulla costa atlantica del Quèbec, sono costretti a mettere in atto per accattivarsi il medico destinato a fermarsi solo un mese e convincerlo a restare. Solo così sarà possibile l’apertura della fabbrica, l’ultima occasione per salvarsi da una crisi esiziale.

Non sappiamo, nel nostro caso, a chi sarebbe toccato sedurre chi. Né chi avrebbe dovuto fare il primo passo. È certo però che qualcosa dovrà comunque cambiare dalle parti di Viterbo. I treni che passano sono fatti per salirci sopra e per viaggiare alla ricerca di orizzonti nuovi. Non certo per lasciarseli scappare.

La Viterbese porta in giro per l’Italia i colori della città. È un patrimonio da proteggere. Non si dovrebbe (non si può) continuare  a passare in modo ondivago tra slanci di amore e cadute nel più amaro disamore.

Bisognerebbe cercare di far crescere le maglie gialloblù insieme. Tutti insieme, con azioni sostenibili e condivise. Per evitare che possano finire nel dimenticatoio del calcio che conta. Come nella fiction, occorre salvare dalla rovina il villaggio di Sainte-Marie-la-Mauderne.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, i tifosi e il lato etico del calcio

In occasione della partita con la Vibonese i tifosi che rendono viva la Curva Nord …