martedì, 15 Ottobre, 2019

Viterbese, una cavia da esperimento?

La Viterbese, club iscritto nel girone C della Serie C, si appresta a diventare suo malgrado una cavia da esperimento. Il gruppo guidato in panchina da Antonio Calabro è atteso da una sfida inusitata per questa categoria.

Il fatto è che la squadra è stata tenuta ferma ai box per dieci turni di campionato, nella frustrante attesa di essere traslocata dal girone C al girone A (quello geograficamente di sua competenza). La lunga battaglia della proprietà si è conclusa con una sconfitta.

Con gravissimo ritardo la società tusciana ha iniziato il campionato di terza serie nazionale solo il 3 novembre del 2018, battuta al Rocchi per 1-0. Tre giorni dopo un’altra sconfitta interna, stavolta per mano della Sicula Leonzio con il risultato di 2-1.

Dopo un doppio cambio in panchina la Viterbese occupa al momento il quattordicesimo posto con 22 punti in 17 partite (6 vittorie, 4 pareggi e 7 sconfitte). Deve però giocare ancora sei recuperi. Inoltre il 27 febbraio incontrerà in partita secca il Teramo per la Coppa Italia. Se dovesse passare il turno, incontrerà il Pisa sempre in gara secca.

Questo preambolo non dà la minima idea del massacrante tour de force che attende la società, la “banda Calabro” e i tifosi dei Leoni Gialloblù. Inserita in un girone a lungo contestato la Viterbese sarà costretta a giocare praticamente ogni tre giorni, facendo in continuazione su e giù per l’Italia. Perché è questo che comporta l’(inusitato?) inserimento del club nel girone meridionale.

In circostanze simili la cosa più semplice è lasciar parlare i dati. La società, pur essendo tra le più solide e solvibili dell’intero calcio professionistico italiano, è stata precipitata in una situazione abnorme per colpe non sue. Solo perchè si è concesso a troppe società di fare quello che volevano, senza prendere per tempo i provvedimenti necessari.

L’invito per tutti gli addetti ai lavori è di seguire con massima attenzione il calvario che dovrà affrontare Antonio Calabro, con il sostegno di un gruppo indomito di giocatori. Un case history a futura memoria, perché situazioni di questo genere non si dovranno mai più ripetere.

In conclusione non resta che >>>LEGGERE QUI il mostruoso calendario che attende dal 10 febbraio 2019 al 5 maggio 2019 la Viterbese, paradigma di un calcio sempre più alla deriva.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, i tifosi e il lato etico del calcio

In occasione della partita con la Vibonese i tifosi che rendono viva la Curva Nord …