giovedì, 19 Settembre, 2019
Ultime notizie

Viterbese, una triste domenica gialloblù

Acque morte in casa Viterbese? Sembra di aggirarsi in una palude nella quale non si muove foglia. Il silenzio assordante della società non contribuisce certo a migliorare le cose. Al momento ci vorrebbe una sfera di cristallo per capire quale sarà l’epilogo dell’ennesima (triste) vicenda che coinvolge i tifosi gialloblù. Nati solo per soffrire, questo è chiaro.

Una cosa è certa. Il disincanto sembra (è?) totale. Una mazzata a tradimento che avrebbe tramortito anche un bue. Sono state dette cose abbastanza cattive. Il radicamento nel territorio è una pianta che ha bisogno di essere annaffiata costantemente, con grande amore. Viceversa a Viterbo si è lasciata seccare, un anno si e l’altro pure. Sotto questo aspetto, le esternazioni del patron Piero Camilli ci sembrano poco comprensibili e forse anche poco giustificabili.

È una storia che si ripete con troppa frequenza, e con crescente intensità, per non lasciare il segno. Stavolta la corda è stata, forse, tirata un po’ troppo? Si potrebbe spezzare anche dal versante tifosi?

Non vale la pena dilungarsi, qui e ora, sul modo in cui è stato “attaccato” il contesto gialloblù. Tutto nasce da una vicenda extra calcistica, a margine della disgraziata partita al Rocchi contro l’Arezzo, nella quale tutti e ribadisco tutti si sono schierati al fianco della società. Meglio stendere un velo pietoso, per carità di patria.

Da parte di chi scrive lo scoramento è totale. Per questa ragione mi limiterò a riportare un articolo pubblicato su Calciopress due anni fa, esattamente il 9 giugno 2017. Si riferisce a una vicenda del tutto sovrapponibile a quella che stiamo vivendo oggi. Potrebbe essere stato scritto in questo preciso momento storico.

È la conferma che le cose non cambiano in modo significativo alla Viterbese Castrense (e sottolineo Castrense…) >>> “Viterbese, Camilli e certi amori”. Dategli un’occhiata, se avete tempo e voglia. Potreste non averne, e vi capirei. Il disincanto è diffuso. La voglia di mollare è tanta, a questo punto anche da una quota più o meno ampia di tifosi. 

Leggendolo vi renderete conto che due anni sembrano passati invano in quanto al modo di rapportarsi con il territorio e la tifoseria a prescindere dai grandi meriti sportivi che nessuno si sogna di non riconoscere e di apprezzare. come sempre è avvenuto a queste latitudini durante l’era Camilli. Sarà forse arrivato il momento di mettersi il cuore in pace?

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, a proposito di organigramma

Cuori Gialloblù è in rete da poco più di un anno. Quando il sito è …