venerdì, 3 Dicembre, 2021

Viterbese, Vibonese e Trapani per i playoff

La Viterbese rientra con quattro punti in più in classifica da una doppia trasferta molto complicata, secondo le previsioni della vigilia. Il pareggio a reti bianche con la Virtus Francavilla, in una gara dominata dal vento giocata al Fanuzzi di Brindisi, si aggiunge alla goleada con la quale i gialloblù hanno superato al Pinto la Casertana. E pensare che, se Polidori avesse realizzato il rigore, per la “banda Calabro” sarebbe stato bottino pieno.

Inutile recriminare, però. Chiunque avrebbe messo la firma a priori su questo risultato con l’ottima squadra guidata da Trocini, molto ben organizzata e temibilissima tra le mura amiche. Ciò che più preoccupa al momento sono le condizioni fisiche di Baldassin, uscito dal campo assai malconcio per un problema al ginocchio. Il centrocampista è uno dei perni del 3-5-2 di Calabro. La speranza è che si tratti di un infortunio rimediabile in tempi brevi. Diversamente, sarebbe un grosso problema per gli assetti tattici della squadra.

Non c’è respiro per la Viterbese. Nel giro dei soliti tre giorni in cui si concentrano le attività agonistiche, a causa di un calendario che non potrebbe essere più compresso di così, la squadra gialloblù affronterà al Rocchi in successione la Vibonese e il Trapani.

Con i calabresi si tratta non solo di vendicare la sconfitta dell’andata, ma soprattutto di spingere tre punti indietro una concorrente diretta per la scalata al quinto posto dei play off. Con i siciliani la sfida di Coppa può spalancare la porta della finale di un torneo che, in chiave spareggi per la promozione, vale molto più di un quinto posto in classifica.

Si tratta di giocarsi bene le carte. Calabro ha tutte le qualità per farlo, potendo inoltre contare su una rosa ampia e variegata. Il mister sa farla girare a meraviglia. La formazione schierata a Brindisi con il Francavilla ne è la prova provata.

Con la Vibonese occorre puntare alla vittoria purchessia, a prescindere dal risultato finale. Con il Trapani la gara va giocata cercando di mettere più fieno in cascina possibile in vista del match di ritorno al Provinciale, fissato il 10 aprile. Due sfide intriganti, del genere che tanto piace a mister Calabro. In circostanze di questo tipo il tecnico pugliese riesce a tirare fuori dai suoi ragazzi il meglio del meglio.

Sarà così anche stavolta, ne siamo certi. Fondamentale il sostegno del pubblico. La “banda Calabro”, soprattutto nella sfida di mercoledì prossimo al Rocchi con il Trapani, ha bisogno di essere spinta come e più di quanto è avvenuto con Ternana e Pisa. I tifosi gialloblù lo sanno e non mancheranno all’appuntamento con la storia.

DI Sergio Mutolo

Innamorato da una vita della Viterbese, prova a tenere viva in rete la 'grande 'storia del club'. Direttore responsabile di Calciopress su Cuori Gialloblu si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare riferimento alla Serie C, sempre dal punto di vista dei tifosi.

Leggi anche

Calcagni la riprende, Volpe la ribalta: la Viterbese batte il Gubbio 2-1

VITERBESE (4-3-3): Daga; Pavlev, Marenco, D’Ambrosio, Urso; Calcagni (25′ st Adopo), Megelaitis, Iuliano (46′ st …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: