Washington Post: DOJ ha nuove prove di potenziale embargo nel caso dei documenti Trump Mar-a-Lago

Washington (CNN) Il Dipartimento di Giustizia ha ottenuto nuove prove che potrebbero ostacolare le indagini dell’agenzia sulla gestione dei documenti riservati da parte dell’ex presidente Donald Trump. Il WashingtonPost denunciato domenica.

Gli investigatori hanno informazioni secondo cui Trump ha esaminato personalmente alcuni documenti nella sua casa di Mar-a-Lago dopo aver ricevuto un mandato di comparizione dal Dipartimento di Giustizia, hanno detto al Post persone che hanno familiarità con le indagini, dicendo che voleva nascondere del materiale.

Sebbene la squadra dell’ex presidente abbia restituito alcuni documenti riservati a seguito di un mandato di comparizione del maggio 2022, la ricerca di agosto dell’FBI ne ha trovati molti che non sono stati restituiti.

Ulteriori prove ottenute dagli investigatori suggeriscono che Trump abbia detto ad altri di fuorviare i funzionari del governo che cercavano di recuperare documenti dalla Casa Bianca prima della citazione dell’anno scorso, il che potrebbe essere una prova delle sue intenzioni, ha osservato il Post.

La CNN ha confermato che gli investigatori hanno le e-mail e i messaggi di testo dell’ex assistente presidenziale Molly Michel, che ha lasciato il suo lavoro lo scorso anno. Quei testi e promemoria, che gli investigatori hanno avuto per mesi, descrivono in dettaglio cosa fa Trump e chi incontra, il che potrebbe essere significativo per capire dove si trova in relazione ai documenti.

COME Lo ha riferito la CNN Nell’ultimo mese, almeno due dozzine di persone – dai dipendenti del resort di Mar-a-Lago ai membri della cerchia ristretta di Trump nella sua tenuta in Florida – sono state citate in giudizio per testimoniare davanti a un gran giurì federale che indaga sulla sua gestione di documenti riservati.

READ  Elliot Broidy afferma di aver ricevuto milioni per fare pressioni illegali sull'amministrazione Trump

I dipendenti sono interessanti per gli investigatori a causa di ciò che hanno visto o sentito mentre svolgevano le loro mansioni quotidiane nella tenuta, incluso vedere scatole o documenti nella suite dell’ufficio di Trump o altrove.

Il Dipartimento di Giustizia ha indagato per circa un anno sulla cattiva gestione dei documenti di sicurezza nazionale e sulle possibili sanzioni. Gli agenti dell’FBI hanno recuperato più di 100 documenti riservati durante una perquisizione a Mar-a-Lago la scorsa estate. Da allora, il team legale di Trump ha consegnato ulteriore materiale classificato.

I funzionari coinvolti nelle indagini hanno chiesto ai testimoni se Trump avesse un particolare interesse per documenti o materiali relativi al Joint Chiefs of Staff Gen. Mark Milley, ma non era chiaro il motivo.

Kaitlan Collins e Katelyn Bolandz hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *