Yellen afferma “ampio spazio” per maggiori scambi commerciali tra Stati Uniti e Cina nonostante le tensioni geopolitiche

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulle relazioni USA-Cina

Nonostante le tensioni sulla sicurezza, Janet Yellen afferma che c’è “enorme spazio” per le società statunitensi e cinesi per aumentare il commercio e gli investimenti durante una visita a Pechino volta ad allentare gli attriti tra le due potenze.

Parlando all’inizio del suo incontro con lo zar dell’economia cinese He Lifeng alla Daoyudai State Guest House di Pechino, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti ha affermato che “gran parte” delle economie dei due paesi dovrebbe essere collegata in qualche modo. Indiscutibile per entrambi i governi.

“Nonostante le recenti tensioni, il fatto che abbiamo stabilito un record per il commercio bidirezionale nel 2022 significa che le nostre aziende hanno ampio spazio per impegnarsi nel commercio e negli investimenti”, ha affermato Yellen.

Mentre si rivolgeva a lei e al suo team economico in una stanza cavernosa della pensione, la Yellen ha ribadito gli appelli a Pechino e Washington per migliorare la comunicazione, anche su macroeconomia e stabilità finanziaria.

“In mezzo a una complessa prospettiva economica globale, c’è un urgente bisogno che le due maggiori economie interagiscano da vicino e si scambino opinioni su… varie sfide”, ha detto Yellen.

Dopo il loro incontro di quasi cinque ore, sabato sera la Yellen e il suo team hanno cenato con lui e altri alti funzionari cinesi.

La visita di Yellen a Pechino arriva settimane dopo che il Segretario di Stato Anthony Blinken è diventato il primo funzionario del gabinetto dell’amministrazione Biden a recarsi in Cina. I viaggi fanno parte di uno sforzo per stabilizzare i legami che hanno toccato i livelli più bassi degli ultimi decenni. Un precedente tentativo è stato deragliato dopo che la Cina ha lanciato un pallone spia sul Nord America.

READ  SDSU vs SDSU in TV come guardare, trasmettere in streaming, quale canale

Yellen ha cercato di seguire una linea sottile, chiedendo una migliore comunicazione mentre esortava Pechino a non reagire in modo eccessivo alle misure di sicurezza che l’amministrazione Biden ha adottato per impedire che la tecnologia statunitense venga utilizzata per aiutare l’esercito cinese.

“Gli Stati Uniti intraprenderanno azioni mirate per proteggere la nostra sicurezza nazionale. Sebbene non siamo d’accordo su queste azioni, tale disaccordo può portare a malintesi, in particolare quelli derivanti dalla mancanza di comunicazione, che peggioreranno inutilmente le nostre relazioni economiche e finanziarie bilaterali “, ha affermato.

Sabato scorso, la Yellen ha incontrato esperti cinesi di finanza climatica. Nel suo incontro, gli Stati Uniti e la Cina – i due maggiori emettitori mondiali di gas serra e maggiori investitori in energie rinnovabili – “hanno una responsabilità condivisa… di aprire la strada”.

“Se la Cina sostenesse istituzioni climatiche multilaterali come il Green Climate Fund e i Climate Investment Funds con noi e altri governi donatori, potremmo avere un impatto maggiore di quello che abbiamo oggi”, ha affermato Yellen.

John Kerry, l’inviato speciale del presidente Joe Biden per il cambiamento climatico, dovrebbe essere il prossimo alto funzionario statunitense a visitare la Cina.

L’incontro di Yellen con lui è ampiamente considerato il più consequenziale della sua visita di quattro giorni.

Oltre ad essere l’incontro più lungo, ha dato al suo team la possibilità di conoscere He, un protetto del presidente Xi Jinping che è relativamente sconosciuto al di fuori della Cina. Ha mantenuto un profilo basso nei media statali cinesi da quando ha assunto il ruolo a marzo.

Nominato Vice Premier, è succeduto a Liu He come re economico della Cina. Mentre Liu è rispettato all’estero per la supervisione dei tecnocrati presso la banca centrale e il ministero delle finanze, ha esperienza come responsabile della pianificazione statale presso la Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme.

READ  Dan Lemon, il conduttore principale della CNN, lascia bruscamente la rete

Ha sostenuto una maggiore apertura agli investimenti esteri, ma si teme che, in quanto lealista di Xi, è improbabile che respinga la tendenza di Pechino a consolidare un maggiore controllo nelle mani delle imprese statali.

All’incontro ha partecipato anche Ban Gongsheng, governatore della Banca centrale cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *