martedì, 29 Settembre, 2020

Mercato Viterbese, torna Peverelli?

Sondaggio della Viterbese per il ritorno di un ex. Si tratta di Andrea Peverelli, esterno destro classe 1993, a Viterbo due stagioni fa (2017/2018) sotto la guida prima di Valerio Bertotto e poi di Federico Nofri Onofri e Stefano Sottili. Ex Como, Novara, Viareggio e Sudtirol, dopo la conclusione dell’esperienza coi gialloblu Peverelli è stato fermo per un’intera stagione, prima di riprendere a giocare l’estate scorsa all’Ardor Lazzate, in Eccellenza, dalle parti di casa sua. La società di via della Palazzina avrebbe effettuato un sondaggio per il giocatore comasco, che è un destro naturale ma si può adattare anche a sinistra. Più volte, infatti, mister Sottili due anni fa lo impiegò sulla rive gauche, in tandem con Sanè, con discreti risultati.

La sensazione è che il mercato gialloblu proceda su diversi fronti, coordinato in prima persona dal presidente Marco Arturo Romano, ieri presente al “Rocchi” a seguire il lavoro della squadra di mister Antonio Calabro e a confrontarsi coi suoi collaboratori più stretti, il dg Diego Foresti e il consulente tecnico Franco Zavaglia. Da un lato la Viterbese si muove cercando ex giocatori di categoria, anche se fermi da un po’, come Razzitti (trattativa saltata) e lo stesso Peverelli (se son rose fioriranno). Dall’altro, si tenta di ripetere l’operazione Tounkara portando a Viterbo elementi di categoria superiore che trovano poco spazio nei loro club, come Moustapha Seck dalla Roma o come Eric Lanini della Juventus Under23. Mentre con l’esterno sinistro giallorosso il discorso è ancora aperto, si complica la questione per il bianconero: Lanini avrebbe richieste troppo alte e sarebbe in procinto di accettare la corte di un club di serie B. Potrebbe sfumare anche la trattativa per il terzino del Lecce Antonino Gallo, dato molto vicino al Francavilla. Più probabile che alla fine si chiuda per il prestito dell’attaccante esterno del Frosinone Luca Matarese: il ragazzo classe 1998, nella scuderia di Mino Raiola, fino ad oggi non avrebbe gradito particolarmente la destinazione Viterbese, rifiutandola più volte, ma alla fine i buoni rapporti tra il club del presidente Marco Arturo Romano e quello del patron Maurizio Stirpe potrebbero portare il giocatore a raggiungere i compagni Errico e Volpe, che non si dovrebbero muovere da Viterbo fino a giugno. Sempre in virtù dei buoni rapporti tra i due club, potrebbe arrivare a Viterbo anche il difensore centrale  classe 2000 Francesco Verde: per lui, però, c’è da battere la concorrenza del Monterosi di mister D’Antoni.

Sembrava fatta a fine dicembre, infine, per il ritorno a Viterbo dalla Ternana dell’estremo difensore Antony Iannarilli, ma la pista si è poi raffreddata, sostanzialmente per due motivi: in primo luogo, perché per giocare con un portiere over significa impiegare gli under (per i relativi contributi sul minutaggio) in altre zone del campo. E poi perché il giovane Tommaso Vitali, che se fosse tornato Ianna avrebbe fatto il percorso inverso verso Terni, sta facendo bene. E sarà under pro minutaggio anche nella prossima stagione, particolare che la Viterbese non vuole sottovalutare: è probabile, anzi, che a giugno il sodalizio della Palazzina provi a farsi rinnovare il prestito del portierino dalla Ternana.

Mentre le dirette concorrenti si rinforzano, insomma (è il caso di Picerno e Sicula Leonzio, per esempio), la Viterbese resta ancora ferma al palo, in attesa del mercato in uscita per sbloccare quello in entrata: con le valigie in mano ci sono soprattutto Mario Pacilli, Sebastiano Svidercoschi e Giuseppe Scalera (ma potrebbero lasciare la Palazzina anche Alessio Milillo, Matteo Biggeri, Edoardo Bianchi e Mattia Zanoli), che si allenano a parte da alcuni giorni anche se non sono infortunati e che non saranno probabilmente neanche convocati per la proibitiva gara di domenica contro il Bari, quando di fatto mancherà mezza squadra tra squalifiche e infortuni. Oltre a Tounkara, De Giorgi e Atanasov, fermati dal giudice sportivo, lamentano fastidi anche Errico e De Falco, oltre a Volpe che ieri si è infortunato in allenamento e che potrebbe essere in forse contro i pugliesi. Situazione complicata per mister Antonio Calabro, che sperava forse in qualche arrivo prima dell’incontro coi biancorossi di Vivarini. Ad oggi in teoria l’unico rinforzo è solo l’attaccante ex Montespaccato, classe 1997, Aimone Calì – utilizzato domenica in amichevole contro la Pianese e arrivato a titolo definitivo dall’Atalanta via Catanzaro, con diritto di riscatto a fine stagione – che però non è stato ancora ufficializzato, al pari dei prestiti in serie D dei giovani Riccardo Capparella e Manuel Covarelli. Da registrare, infine, il richiamo delle sirene catanzaresi per il capitano Živko Atanasov: il giocatore, in scadenza a giugno, sta trattando il rinnovo con la Viterbese, dove vorrebbe restare perché adorato dalla piazza. Ma al momento le parti sarebbero lontane e l’offerta del Catanzaro importante. La trattativa prosegue e tiene i tifosi col fiato sospeso.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Mercato Viterbese, come cambia la rosa?

Oggi chiude l’interminabile finestra di gennaio del calciomercato. Fermo restando che ci sembra un’idea folle …