sabato, 19 Giugno, 2021

Trionfo al San Nicola: la Viterbese batte il Bari e ipoteca la salvezza


Bari – Viterbese 1-0 (primo tempo 0-0)

Bari (3-5-2): Frattali; Sabbione, Minelli, Perrotta; Ciofani, Maita, Bianco, De Risio, Semenzato; Citro (36’ Candellone), D’Ursi (73’ Marras) A disposizione: Marfella, Fiory, Sarzi, Celiento, Pinto, Ferrante. Allenatore: Gaetano Auteri

Viterbese (4-3-3): Daga; Baschirotto, Markic, Camilleri (63’ Mbende), Bianchi; Adopo (63’ Besea), Bensaja, Salandria (87’ Sibilia), Bezziccheri (78’ Simonelli), Tounkara (87’ Rossi), Murilo. A disposizione: Maraolo, Ricci, Menghi, Ammari, Menghi, Tassi, Porru. Allenatore: Roberto Taurino

Arbitro Michele Di Cairano di Ariano Irpino, assistenti Luca Valletta di Napoli e Pietro Lattanzi di Milano. Quarto uomo Filippo Giaccaglia di Jesi.

Marcatori: Murilo 82’

Ammoniti: Tounkara, Sabbione, Adopo, Perrotta

Note: 2’ di recupero pt, 5’ st

Bari in caduta libera, Viterbese coraggiosa, corsara e vincente. Non aveva nulla da perdere la squadra di mister Roberto Taurino, che si conferma bestia nera dei galletti e che porta in casa un’altra vittoria storica al San Nicola e tre punti pesantissimi che mettono una seria ipoteca sulla salvezza gialloblu.

La cronaca Passano due minuti dal fischio d’inizio e Daga fa subito una buona parata su un tiro sporco di Semenzato. Al 3’ invece è Frattali a togliere senza grandi affanni la palla dai piedi di Murilo nella prima azione offensiva gialloblu. Al 6’ Maita, servito da Citro, sì trova sui piedi un buon pallone per il vantaggio, ma ci crede poco e Daga para e trattiene. Terza parata in pochi minuti dell’estremo difensore gialloblu, che poco prima aveva intercettato anche un tiro di D’Ursi. Ma dopo i primi minuti in cui il Bari tenta di andare in vantaggio, la Viterbese inizia a prendere campo. Conclusione pericolosa al 14’ di Ciofani che di destro cerca l’incrocio dei pali ma non trova lo specchio della porta.

Il Bari è più aggressivo ma lascià ampi spazi alla manovra della Viterbese, che si fa vedere in avanti ma non approfitta del campo concesso dal Bari e sbaglia troppi passaggi, specie in fase di rifinitura. Murilo potrebbe incidere di più, ma gioca troppo lontano dalla porta per mettere la palla giusta a Tounkara. Non male l’esordio dal primo minuto di Adopo, che, anche se deve ancora prendere confidenza con la squadra e il modulo, si fa vedere dai compagni più volte mostrando personalità. Al 24’ Daga senza grandi problemi anticipa D’Ursi che a tu per tu col portiere gialloblu prova il colpaccio.

La Viterbese gioca concentrata e controlla bene le velleità offensive dei galletti. Al 32’ è la difesa di casa a dover chiudere su Tounkara. Al 36’ il Bari perde Citro, che per infortunio lascia in campo in barella: al suo posto entra Candellone, ma nulla cambia nello schema tattico di Auteri. Il Bari ha maggiore possesso palla ma non riesce a trovare lo spunto giusto, grazie soprattutto alla Viterbese che, pur se un po’ rinunciataria davanti e senza creare pericoli agli avversari, tiene bene in equilibrio la partita. La prima frazione di gioco si chiude a reti inviolate.

Nella ripresa, la Viterbese continua a neutralizzare l’azione avversaria, rinunciando ad aggredire anche se potrebbe osare qualcosa di più in contropiede se solo i rifinitori fossero più precisi nell’ultimo passaggio. Al 56’ l’occasione più importante del Bari: D’Ursi su cross di Maita di testa si mangia un gol fatto spedendo di poco fuori con Daga completamente battuto. Capovolgimento di fronte, ma Murilo non riesce a servire degnamente Tounkara in contropiede. La Viterbese adesso soffre la pressione del Bari e viene schiacciata nella metà campo biancorossa. Esce per infortunio Camilleri, lasciando il campo a Mbende, e Taurino rinforza il centrocampo inserendo Besea al posto di Adopo. E proprio Besea al 66’ sarà l’autore del primo tiro in porta della partita della Viterbese, con Frattali che ribattendo di piede negherà il gol al centrocampista gialloblu.

Al 70’ il Bari si divora clamorosamente il gol dell’1-0: azione di confusione in area, ci provano prima Maita e poi D’Ursi, ma Markic salva miracolosamente sulla linea e alla fine Semenzato gestisce male e la palla finisce fuori. La Viterbese concede troppo campo al Bari, manca un po’ di pressing al limite. Al 77’ Baschirotto con un cross cerca in area Besea, ma Minelli respinge.

All’82’ la Viterbese passa in vantaggio: Murilo di testa, con colpo da attaccante vero, la insacca sul primo palo sugli sviluppi di un angolo procurato da Tounkara dopo azione insistita di Baschirotto. Viterbese in vantaggio, meritato non tanto per le occasioni create, quanto per aver tenuto la pressione avversaria e per aver saputo sfruttare il momento giusto per segnare. Nel finale è ancora Bari che spara le ultime cartucce, ma l’ingresso di Rossi e Simonelli regala forze fresche alla Viterbese. Che per la seconda volta nella sua storia batte il Bari al San Nicola.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Storie di serie C, il curioso caso Matelica-Ancona

Nasce un nuovo progetto tra Ancona e Matelica. Il titolo sportivo del Matelica, che ha disputato …