Daniele Mignanelli, il "cavallo pazzo" gialloblù - Viterbese Calcio News- Cuori Gialloblu
lunedì, 20 Maggio, 2019
Ultime notizie

Daniele Mignanelli, il “cavallo pazzo” gialloblù

Nato a Cantù, terra notoriamente più propensa al basket, Daniele Mignanelli i suoi 185 cm di altezza li ha messi al servizio del calcio. I suoi primi anni calcistici importanti li passa tra Novara, Reggiana e Pescara. Poi l’approdo all’Ascoli, dove si mette sin da subito in evidenza con le sue sgroppate sulla fascia sinistra.

Mentre tutto evolve per il meglio, nel novembre 2017 arriva la tegola. Una frattura del malleolo che lo terrà a lungo fuori dal terreno di gioco. Come si sa, quando le cose iniziano ad andare per il verso sbagliato il destino si accanisce in maniera particolare. Iniziano infatti i problemi con l’Ascoli e con il tecnico, Vincenzo Vivarini, che non lo ha mai tenuto veramente in considerazione.

Ecco così che, a venticinque anni, ci si ritrova a scegliere altre destinazioni. Ma forse in alcuni casi il destino ci mette del suo. Daniele Mignanelli ha giocato la sua ultima gara con la maglia dell’Ascoli in Tim Cup contro la Viterbese. Una partita persa malamente dal Picchio per 4-0 e che trainò la Viterbese verso Marassi per la sfida con la Sampdoria.

Come se fosse un destino incrociato, il ragazzo di Cantù si è accasato proprio alla corte del patron Piero Camilli. Giunto in gialloblù in condizioni fisiche precarie, ha comunque sin dal primo momento convinto tutti che ci si trovava davanti a un calciatore vero. Con il tempo lo hanno capito anche quanti, ad Ascoli, lo davano per finito dopo l’infortunio di Carpi.

Su Daniele in molti si sono dovuti ricredere. Soprattutto dopo che l’esterno gialloblù ha trovato la giusta forma fisica che lo sorregge nelle sue lunghe cavalcate sulla sua corsia preferita. Non è stato da meno nella serata di Coppa con il Pisa. Pur avendo speso forze e macinato chilometri, al 93’ ha trovato ancora la prepotenza di un allungo di sessanta metri da coprire per il bene di una causa.

La sua nuova causa. Chiamata Viterbese.

DI Stefano Cordeschi

Avatar
Giornalista Pubblicista, vicedirettore di Calciopress.net, ha iniziato la sua avventura editoriale su web ideando e progettando siti internet, in modo particolare incentrati sulla Viterbese Calcio.

Leggi anche

Viterbese, a proposito di lealtà sportiva

Piovono critiche sulla Viterbese, per la scelta di schierare le seconde linee nella trasferta di …