martedì, 21 Settembre, 2021

La Viterbese è rimasta negli spogliatoi: al Rocchi l’Imolese vince 3-0

VITERBESE (4-3-3): Daga; Fracassini, D’Ambrosio, Junior, Ricchi (9′ st Urso); Calcagni, Foglia (20′ st Simonelli), Alberico (33′ st Errico); Volpicelli, Capanni, Murilo. A disposizione: Bisogno, Martinelli, Adopo, D’Uffizi, Pavlev, Zanon, Marenco, Tassi. Allenatore: Dal Canto.

IMOLESE (4-3-3): Rossi; Cerretti, Angeli (35′ st Boccardi), Rinaldi, Lia; Lombardi A., Torrasi (1′ st D’Alena), Benedetti; Padovan (18′ st Lombardi L.), De Sarlo (18′ st Belloni), Matarese (18′ st Turchetta). A disposizione: Santopadre, Hysi, Masella, La Verdera. Allenatore: Fontana.

Arbitro: Signor Luca De Angeli della sezione di Milano; assistenti Sigg. Ayoub El Filali di Alessandria e Alessio Miccoli di Lanciano; Quarto Uomo Sig. Mattia Ubaldi della sezione di Roma 1.

Marcatori: 6′ st Lia, 19′ st Benedetti, 46′ st Boccardi (r)

Note: Spettatori paganti 519; angoli: 8-2 per la Viterbese; ammoniti: Torrasi, Rossi, Angeli, Boccardi, Cerretti; recuperi: 2’ pt; 5’ st.


Qualcosa in casa gialloblu non gira come dovrebbe, e la Viterbese perde inaspettatamente 3-0 contro un’Imolese che non si è mai disunita e ci ha creduto fino alla fine. La Viterbese ha giocato un ottimo primo tempo ma non è riuscita a segnare, mentre nella ripresa è sembrata sfilacciarsi e perdere il proprio baricentro, senza riuscire a riaprire un match che l’Imolese alla fine ha meritato di vincere.

La cronaca – Novità, ma neanche tanto, l’inserimento di Capanni al posto di Errico, e la soluzione tattica di Dal Canto funziona, perché l’attacco gialloblu è brillante. Al 5’ una punizione da posizione interessante di Volpicelli, finisce direttamente tra le braccia del portiere Rossi.

Al 12’ un’azione insistita dei gialloblu, che in mischia non trovano però la porta. Ancora Volpicelli mette al centro un buon pallone, ma nessuno dei suoi raccoglie. Buoni scambi e buon movimento dei gialloblu, che danno l’impressione di poterla sbloccare da un momento all’altro, mentre l’Imolese aspetta. Al 18’ prima occasione degli emiliani con Padovan, autore di una bella azione ma la sfera sfiora la porta difesa da Daga.

Quattro minuti dopo una delle occasioni più mette della gara: al 22’ Rossi para su Capanni, servito da Calcagni. Ma gli ospiti, mai domi, rispondono al 25’ sempre con Padovan. La Viterbese gioca meglio e crea ma non riesce a trovare la via della della porta. Ci riprova Volpicelli al 37’, approfittando di un errore grave di Lia, ma la conclusione finisce alta. Al 39’ daga salva la porta gialloblu, respingendo un tiro in corsa di Benedetti.

Al 43’ l’occasione più netta della gara, con Calcagni su cui Rossi compie un miracolo: il centrocampista della Viterbese rientra con il sinistro e conclude a botta sicura, ma l’estremo difensore dell’Imolese fa gli straordinari. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, con la Viterbese che avrebbe meritato il vantaggio per la qualità del gioco, a fronte di un’Imolese strutturata che ha dato comunque la sensazione di poter far male se lasciata libera di agire.

Ad inizio secondo tempo per la Viterbese la  ripresa è da incubo: i gialloblu rientrano dagli spogliatoi molli, forse psicologicamente provati da un buon primo tempo in cui però non avevano trovato la via della porta. E l’Imolese ne approfitta. Al 50’ Lia sigla il vantaggio ospite, su azione confezionata da Mataerese. Dal Canto corre ai ripari: esce Ricchi – dalla sua fascia le incursioni più pericolose dell’Imolese – e lascia il posto a Urso. I gialloblu reagiscono e si portano in avanti al 56’ con Fracassini, che si coordina alla perfezione sulla ribattuta di una rovesciata di Murilo ma centra la trasferta piena.

Come a Fermo, per la Viterbese si ripete l’incubo: al 65’ arriva il raddoppio dell’Imolese, grazie a uno scambio al volo tra Rinaldi e Benedetti, che segna il 2-0. Poco dopo lo stesso Benedetti si divorerà il 3-0. La Viterbese è rimasta negli spogliatoi, e gli emiliani non concedono più nulla, col secondo gol che sembra dare il colpo di grazia agli uomini di Dal Canti, in difficoltà non solo psicologica ma anche tattica, specie in difesa. La squadra di casa sembra lo controfigura horror di quella del primo tempo.

Al 73’ prova a riaprirla Calcagni, tra i migliori dei suoi, ma anche stavolta Rossi gli nega la gioia del gol. Dal Canto, dopo aver inserito Errico mette dentro anche Simonelli: Viterbese a totale trazione offensiva, ma il risultato non cambia. Il passivo si allarga sul finale quando all’89’ Boccardi sigla il 3-0 definitivo dal dischetto.

Sei gol subiti in due gare lasciano la Viterbese a quota 1 punto in classifica e lanciano l’allarme soprattutto per la difficoltà dei gialloblu di dare continuità al bel gioco. Nessun processo, nessun giudizio definitivo, perché siamo solo alla seconda giornata, ma un’inversione di marcia diventa quantomai urgente.

DI Eleonora Celestini

“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Viterbese – Cesena, l’elenco dei gialloblu convocati

Sono 22 i calciatori convocati da mister Dal Canto per Viterbese – Cesena, gara valida …