venerdì, 13 Dicembre, 2019

Serie C, gironi sbilenchi?

In Serie C il meccanismo dei ripescaggi potrebbe portare alla formazione di gironi più o meno sbilanciati.

Per tornare a 60 squadre sarebbe infatti necessario integrare, con almeno sette club, il format residuale a 53 (risultato dei 56 ammessi dalla Figc a cui vanno sottratti i 3 che verranno ripescati in B).

Accade però che appena in cinque fanno domanda di ripescaggio. L’avventata proposta delle Squadre B si trasforma in un flop cosmico e solo la Juventus aderisce alla procedura. Le altre quattro candidate sono il Prato (fresco di retrocessione dalla C)  e tre di D (Cavese, Como e Imolese).

In totale saremmo a quota 58, ma il Como (mancato deposito della fideiussione) e/o il Prato (non ha lo stadio) potrebbero restare fuori.

In sostanza il format balla ancora tra 58 (se fossero accolte tutte le cinque domande) e 56 (se ne fossero accolte solo tre). Va detto che esiste la concreta possibilità che l’organico diventi dispari, fermandosi a 57.

Nel primo caso verrebbero allestiti due gironi da 20 e uno da 18. Nel secondo uno da 20 e due da 18. Nel terzo si consumerebbe l’ennesima beffa per i club virtuosi che hanno seguito le regole.

Alleluia. I vertici del calcio italiano hanno di che essere molto compiaciuti con se stessi. Sono riusciti nella missione impossibile di far deflagrare l’ennesimo caos estivo. Il rischio implosione, per la Serie C, è sempre più vicino.

calciopress.net

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Serie C, scadenze Covisoc del 16/09/2019

Ai sensi del Manuale delle Licenze Nazionali le società devono, entro il termine del 16 …