giovedì, 26 Novembre, 2020

Vandeputte al Vicenza, un pasticciaccio brutto

Jari Vandeputte non è più un giocatore della Viterbese. Il talento belga, vero gioiello della rosa gialloblu, è stato ceduto poco fa a titolo definitivo al Vicenza, a fronte di una importante contropartita economica: 250mila euro sonanti. A nulla è servita la proposta di rinnovo biennale da parte del presidente Romano per convincerlo a restare.

A nulla sono servite le rassicurazioni dell’ex ds della Viterbese, Marco Lancetti (a che titolo parla? È ancora in organigramma?) che a metà pomeriggio aveva smentito il passaggio ai lanieri della mezzala belga. Fondamentali per il passaggio di Vandeputte al Vicenza la volontà del ds biancorosso Magalini, ex Viterbese, che lo ha trattato per settimane, ma anche motivazioni familiari che hanno spinto la mezzala a cambiare aria.

La cessione di Jari Vandeputte è un duro colpo per la tifoseria della Viterbese, che perde il giocatore più importante della rosa, ma anche per la credibilità della nuova società gialloblu, che aveva assicurato che non avrebbe venduto nessuno degli elementi dela rosa ereditati da Camilli. Va detto che la società della Palazzina ha tentato di trattenerlo, ma il giocatore e la sua famiglia hanno scelto di andare via.

E adesso? Per il momento non sembrano esserci per la Viterbese movimenti in entrata per sostituire il belga. Un bel problema. Si tratta per il ritorno di Andrade Siqueira Jefferson, in uscita dal Monza, ma il centravanti non può essere considerato un sostituto di Vandeputte, nonostante sia un beniamino dei tifosi. In entrata da registrare l’arrivo dal Frosinone del centrocampista Emmanuel Besea, mentre sembrano tramontate le trattative in uscita per Atanasov e Pacilli. C’è tempo fino alle 22, ma difficilmente la Viterbese riuscirà a recuperare il vuoto tattico lasciato da Vandeputte.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Mercato Viterbese, come cambia la rosa?

Oggi chiude l’interminabile finestra di gennaio del calciomercato. Fermo restando che ci sembra un’idea folle …