domenica, 27 Settembre, 2020

Viterbese, in dirittura Biggeri e Calcagni?

Dopo l’arrivo di Andrea De Falco e Giuseppe Scalera, annunciati ieri dalla Viterbese (De Falco sarà presentato stamattina in conferenza stampa, ndr), potrebbe arrivare già oggi l’ufficialità dell’ingaggio del portiere Matteo Biggeri, classe 1996, cresciuto nelle giovanili dell’Empoli e nelle ultime due stagioni in forza al Pontedera. Sarebbe infatti ormai in stadio avanzato la trattativa tra il giocatore, svincolato, e la società del presidente Marco Arturo Romano, alla ricerca di un estremo difensore giovane ma con esperienza a cui affidare i pali gialloblu. Alto 187 cm, il profilo di Biggeri è quello di un portiere di categoria che in Toscana ha ben fatto: secondo di Contini il primo anno, nella stagione scorsa è stato titolare inamovibile. Parliamo sempre di un giovane, ma comunque di prospettiva.

Sempre dal Pontedera non è escluso che con Biggeri arrivi a Viterbo anche Riccardo Calcagni, terzino destro 1994, che ha destato l’interesse del mercato gialloblu. Negli ultimi due anni ha giocato nella Lucchese e nel Pontedera. Insieme a Scalera rappresenterebbe per mister Calabro un’opzione in più per la corsia laterale, anche se è più sul lato sinistro, dove c’è il solo Daniele Mignanelli (con le valigie pronte), che forse è necessario puntellare la rosa.

Ieri rumors di mercato parlavano anche di un sondaggio della Viterbese per Alessio Curcio, attaccante del Vicenza in cerca di rilancio: esploso due anni fa con una stagione scintillante ad Arzachena, l’anno scorso coi biancorossi non si è ripetuto, ma si tratta comunque di un giocatore importante per la categoria, che potrebbe fare molto comodo a mister Calabro.

Intanto a Chianciano, alla vigilia dell’esordio in Coppa Italia domenica contro il Piacenza al Garilli, si allarga la lista dei giocatori infortunati: oltre a Palermo e Vandeputte, che stanno curando i rispettivi acciacchi, per un risentimento muscolare si è fermato anche Zivko Atanasov – l’eroe del 92’ contro il Monza -, mentre un’influenza improvvisa pare aver colpito Francesco De Giorgi arrivato da poco alla corte di mister Antonio Calabro dopo l’intervento al menisco. Anche loro non partiranno per Piacenza (si spera di recuperare almeno Ata), approfittando di un paio di giorni di riposo per recuperare le forze, così come Mario Pacilli, che dovrebbe aver chiesto un permesso per questioni personali e non sarà della gara. Al di là dei singoli infortuni, che ci stanno, appare evidente come, nonostante le rassicurazioni, si pensi a movimenti di mercato in uscita, vista la palese volontà della maggior parte dei giocatori over ereditati dalla gestione Camilli di cambiare aria. Esigenze di mister Calabro e dell’economia tattica della Viterbese permettendo.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Mercato Viterbese, come cambia la rosa?

Oggi chiude l’interminabile finestra di gennaio del calciomercato. Fermo restando che ci sembra un’idea folle …